anteprima Trump a Riad forgia una nuova alleanza 22-05-2017

La visita del Presidente Trump in Arabia Saudita ha creato le premesse per la formazione di una nuova alleanza, che sembra voler andare oltre la tradizionale partnership tra i 2 Paesi, basata sul contrasto al comune nemico iraniano e su solidi interessi economici. In soldoni, tutto questo si è immediatamente concretizzato nella finalizzazione di un maxi-accordo per la vendita al Regno di Casa Saud di un pacchetto di sistemi d’arma statunitensi del valore di 110 miliardi di dollari, destinati a crescere ad oltre 350 miliardi nei prossimi anni contando anche i servizi di supporto lungo tutto il ciclo di vita dei prodotti. Sebbene non sia ancora completamente chiaro e delineato l’elenco della “lista della spesa” delle Forze Armate saudite, a beneficiare delle nuove commesse saranno soprattutto Lockheed Martin e Boeing. La prima ha reso noto in un comunicato che il valore potenziale degli accordi relativi ai propri prodotti è di 28 miliardi di dollari. Il “pacchetto Lockheed” comprende il sistema di difesa anti-balistica THAAD (Terminal High Altitude Area Defence), lo stesso che recentemente è stato dispiegato in Corea del Sud, 4 unità navali multimissione – presumibilmente un’evoluzione delle Littoral Combat Ship, prodotte nei cantieri Marinette Marine di Fincantieri (Winsconsin) - circa 150 elicotteri BLACK HAWK S-70 in configurazione utility e un numero non specificato di aerostati da integrare nella nuova rete di sensori ISR a protezione del Paese. Per quanto riguarda Boeing, sebbene non vi sia ancora una quantificazione economica dell’intesa, è stato reso noto l’impegno saudita ad acquistare elicotteri da trasporto CH-47F CHINOOK, velivoli MMA (Maritime Multi-Mission) P-8 POSEIDON e munizionamento di precisione (probabilmente kit JDAM). Inoltre, sul fronte civile, è stato annunciato un accordo per la fornitura di 16 velivoli widebody alla Saudi Gulf Airlines. Al di là delle commesse vere e proprie, l’ammontare estremamente elevato dell’accordo si spiega anche con la decisione saudita di coinvolgere tanto Lockheed Martin, quanto Boeing (con la fondamentale benedizione del Governo americano) nella realizzazione di specifiche joint-venture per favorire il consolidamento del settore aerospaziale locale. Uno sforzo che si inserisce nel piano strategico di Riad denominato “Vision 2030” che prevede che l’apparato industriale locale, entro la fine del prossimo decennio, diventi in grado di produrre in autonomia il 50% dei sistemi d’arma destinati alle Forze Armate; un traguardo che, ad oggi, appare parecchio ambizioso considerando gli enormi limitati – culturali ed umani – dell’industria locale. Allo stesso tempo, i 2 Paesi si sono accordati per formare uno Strategic Joint Consultative Group per rafforzare la cooperazione e rinsaldare la loro partnership. L’organismo, che si riunirà una volta l’anno, sembra voler costituire un primo embrionale tassello di una nuova architettura di sicurezza regionale che i 2 Paesi si sono impegnati a consolidare in futuro, il cui obbiettivo, neanche troppo velatamente, è il contenimento dell’Iran e il contrasto alla crescente influenza di Teheran nell’area. Un’architettura che radunerebbe i Paesi sunniti dell’area e, seppur non ufficialmente, pure lo stesso Israele: seconda tappa del tour mediorientale di “Donny”.

a cura di Pietro Batacchi e Marco Gatti
anteprima Corea del Nord: il KN-15 in produzione 22-05-2017

Domenica 21 maggio il nuovo missile balistico a medio raggio nordcoreano KN-15 è stato testato ancora una volta. Il test, che è avvenuto dal poligono di Pukchang, a nordest dalla capitale Pyongyang, alla presenza di Kim Jong Un, ha visto l'ordigno condurre regolarmente la sua traiettoria prima di ricadere dopo 500 km nel Mar del Giappone. Subito dopo il test la Corea del Nord ha annunciato l'operatività del missile e la sua produzione in serie. Il KN-15 è una versione terrestre del missile balistico lanciabile da sottomarini KN-11. Quest'ultimo è stato testato molte volte sia da piattaforme sottomarine che dal sottomarino a propulsione convenzionale sperimentale classe SINPO. Il KN-11 è un missile bistadio a propellente solido accreditato di una gittata d 900 km. La variante terrestre KN-15, testata già a febbraio e ad aprile, è bastata su una piattaforma mobile cingolata ed è dotata dotata di una gittata più estesa (1.500-2.000 km) e di diverse migliorie nel sistema di guida e nelle capacità di evasione delle difese avversarie.

a cura di Redazione
anteprima Ecco il primo TYPHOON per l'Oman 19-05-2017

Il primo caccia Eurofighter TYPHOON destinato all'Aeronautica dell'Oman ha effettuato il rollout presso lo stabilimento BAE Systems di Warton. BAE Systems è responsabile nell'ambito del consorzio Eurofighter per il contratto omanita. L'esemplare di TYPHOON che ha condotto il rollout è in configurazione biposto con seriale ZR411/201. Contestualmente, l’azienda britannica ha presentato anche il primo addestratore avanzato HAWK Mk166, sempre destinato all'Oman, che aveva effettuato il primo volo il 6 maggio. Le cosnegne inzieranno entro la fine di quest’anno. Il Sultanato dell'Oman aveva ordinato 12 Eurofighter TYPHOON – 9 monoposto e 3 biposto – e 8 addestratori HAWK Mk166 nel dicembre 2012. I TYPHOON omaniti sono allo standard Tranche 2 con radar a scansione meccanica CAPTOR-M.

a cura di Redazione
anteprima Beretta 92FS per l’Oman 18-05-2017

Beretta sta iniziando a consegnare un primo lotto di 4.000 pistole 92FS in calibro 9x19 mm all’Esercito Omanita, destinate in massima parte alle Forze Speciali. Nel corso del 2016 l’Esercito Omanita ha lanciato un programma di sostituzione della pistola Browning Hi Power in dotazione, e nell’ottobre dello stesso anno ha selezionato 5 società europee, una delle quali Beretta. A inizio 2017 una delegazione ha quindi effettuato una visita a Gardone Valtrompia e nelle sedi delle altre aziende, provando le armi proposte in poligono, e a fine febbraio è stata annunciata la scelta del prodotto Beretta. La trattativa si è chiusa con l’accettazione della quotazione a fine aprile, e il contratto è stato infine firmato ai primi di maggio. Alle 4.000 armi in pronta consegna seguiranno altre 6.000 pistole prodotte da qui a settembre. L’Oman potrebbe quindi richiedere ulteriori lotti in tempi successivi, che potrebbero comprendere anche versioni differenti della medesima arma. L’Oman, già cliente Beretta per quanto riguarda le forze di Polizia, ha anche in previsione la sostituzione del proprio fucile d’assalto, attualmente la versione base dello Steyr AUG.

a cura di Paolo Valpolini
anteprima GRIPEN: nuovi successi e prospettive 17-05-2017

Il caccia multiruolo leggero di 4ª generazione GRIPEN continua ad ottenere successi ed a suscitare l’interesse di diversi Paesi. Nella prima settimana di maggio, in Bulgaria il neo eletto Governo Borisov ha annunciato il GRIPEN come vincitore della gara per la fornitura di 8 velivoli destinati ad affiancare, e progressivamente sostituire, i 15 MiG-29A/UB FULCRUM sopravvissuti - dei 22 acquisiti tra l’89 e il 90 - dei quali appena la metà risulta operativa. A causa dei difficili rapporti con la Russia, derivanti dall’entrata della Bulgaria nella NATO e dalla conseguente riluttanza russa nel fornire assistenza tecnico-manutentiva (l’ultimo intervento della RSK MiG risale al triennio 2006-2009, quando i FULCRUM bulgari ottennero un “leggero” MLU del valore di 31 milioni di euro, non inclusivo di upgrade avionici), sarebbero solo 7-9 gli aerei in grado di volare con una media non superiore alle 45 ore annuali. Nella gara bulgara, il caccia svedese ha battuto la concorrenza dell’onnipresente Lockheed Martin F-16 – previsti 10 aerei di seconda mano che sarebbero giunti dal Portogallo sulla falsariga di quanto avvenuto con la Romania – e dell’Eurofighter TYPHOON – 8 aerei Tr.1 Block 5 italiani. L’accordo, che ha un valore potenziale di 511 milioni di euro, include la fornitura di 8 velivoli JAS-39 C/D - 6 monoposto e 2 biposto - con consegna prevista entro 18 mesi dalla firma del contratto (entro la fine del 2019), parti di ricambio, armamenti e supporto manutentivo ed addestrativo. Altri 8 velivoli sono previsti in opzione. Detto della commessa bulgara, il GRIPEN C/D è il principale candidato alla vittoria in altre 2 gare, quella in Botswana e quella in Slovacchia. In Botswana, il caccia svedese gareggia con il sudcoreano FA-50 - versione “combat” dell’addestratore T-50 - per il procurement di 12 aerei che andranno a sostituire i vecchi 10 BF-5A (più 3 biposto BF-5B cannibalizzati per i ricambi) acquisiti dal Canada tra 1996 e 2000 e dei quali ne risultano operativi non più di 3. Al momento si è ancora in fase di colloqui, che fanno seguito alla RFP presentata da Gaborone nel giugno 2016, ma la stessa Saab si è dichiarata ottimista riguardo all’eventuale vittoria nella gara indetta dal Paese africano, che ha avuto modo di osservare da vicino il GRIPEN in più di un’occasione durante le esercitazioni con l’Aeronautica del vicino Sud Africa, perlomeno fin quando quest’ultimo è stato in grado di trovare le risorse per far volare con regolarità i propri JAS-39. Riguardo alla Slovacchia, la situazione è molto simile a quella descritta per l’Aeronautica Bulgara. Anche Bratislava, infatti, vuole rimpiazzare la sua striminzita flotta di 12 MiG-29AS/UBS – vecchi FULCRUM-A aggiornati tra 2005 e 2006 - acquisiti nel 2007. Lo scorso autunno il Governo slovacco avrebbe presentato una RFP per un requisito comprendente una dozzina di velivoli e, al momento, il caccia Saab è il principale contendente, con l’F-16 FIGHTING FALCON molto defilato. Ad ogni modo, in attesa delle scelte dei Paesi citati, la selezione della Bulgaria conferma che il GRIPEN C continua ad avere molti estimatori che apprezzano sia l’eccellente cellula del monomotore multiruolo di casa Saab sia, soprattutto, il costo di acquisto e di gestione/operativo che, il molti casi, è inferiore del 50% rispetto ai suoi concorrenti, soprattutto nei confronti dei più grossi bimotori SUPER HORNET, RAFALE e TYPHOON. Oltre a partecipare con ottime probabilità di successo alle citate gare, infatti, il caccia Saab, sebbene nella sua variante più moderna GRIPEN E, è uno dei candidati della gara per la sostituzione degli F-16 belgi assieme al francese RAFALE, all’Eurofighter TYPHOON e all’F-35A (la Boeing ha ritirato la sua offerta per il SUPER HORNET), nonostante quest’ultimo appaia come probabile vincitore. Anche la Finlandia si trova nelle prime fasi della competizione per la sostituzione dei propri F/A-18 HORNET, con una RFP per 48/60 aerei prevista per il 2018, che fa seguito alla “richiesta di informazioni” inviata nella seconda metà del 2016, a cui l’azienda svedese ha prontamente risposto proponendo, come nel caso belga, la versione JAS-39E. A queste commesse, o potenziali tali, vanno aggiunte le parole provenienti dallo Stato Maggiore dell’Aeronautica svedese che, tramite uno dei suoi portavoce, il Col. Liljegren, ha accennato alla possibilità che la Svezia mantenga in servizio il GRIPEN C/D oltre il 2026, anno in cui è previsto l’inizio della fase di ritiro della seconda serie del JAS-39. Tale eventualità sarebbe giustificata dalla “lentezza” con la quale i GRIPEN E/F di ultima generazione entreranno in servizio (primo volo previsto per il prossimo giugno). Secondo Liljegren, infatti, tra 2022 e 2026 la Svezia riceverà non più di 60 JAS-39E/F, rispetto agli 80 inizialmente previsti. Il gap potrebbe essere coperto da una ventina dei 73 GRIPEN C attualmente in servizio, oltre ai 24 biposto JAS-39D che verranno certamente mantenuti per la conversione operativa degli equipaggi. GRIPEN C che, peraltro, al momento sta ricevendo l’upgrade MS20 che gli consentirà di imbarcare nuovi sistemi d’arma quali, tra gli altri, il nuovo missile aria-aria a medio-lungo raggio MBDA METEOR (fino a 4) e SDB (Small Diamter Bomb) GBU-39.

a cura di Andrea Mottola
anteprima Conclusa Operazione Mare Aperto 20-05-2017

È terminata il 18 maggio l'esercitazione "Mare Aperto”, attività interforze e internazionale gestita dalla Marina Militare.

a cura di Stato Maggiore Difesa
anteprima 156° Anniversario Costituzione Esercito 04-05-2017

Sono iniziate questa mattina con la deposizione di una corona d'alloro al Sacrario dei Caduti nel cortile d'onore di Palazzo Esercito, le celebrazioni per il 156° Anniversario della costituzione dell'Esercito Italiano.

a cura di Esercito - PIC
anteprima Iniziata la MARE APERTO 09-05-2017

L'8 maggio è iniziata nel Mediterraneo Centrale la “Mare Aperto”, esercitazione interforze e internazionale che, condotta dal Comandante in Capo della Squadra Navale, rappresenta il primo evento addestrativo complesso annuale della Marina Militare italiana, con la partecipazione anche di assetti dell’Esercito e dell’Aeronautica Militare, oltre a unità navali dei due gruppi permanenti della NATO e della Forza Marittima Europea. In mare opereranno la portaerei Cavour, con i velivoli AV8B imbarcati, navi e sommergibili della Marina Militare e 11 navi provenienti da Canada, Francia, Polonia, Portogallo, Spagna e Turchia, inquadrate nei Gruppi marittimi permanenti della NATO e nella Forza Marittima Europea. La Marina, inoltre, schiererà la Brigata Marina San Marco. Prenderanno parte all’esercitazione anche velivoli Tornado, AMX, CAEW, Predator, KC 767 dell’Aeronautica Militare nonché il reggimento Lagunari, elicotteri AW-129, un posto comando di artiglieria terrestre ed un posto comando di artiglieria antiaerea dell’Esercito Italiano. Per dieci giorni gli uomini e le donne imbarcati sulle navi, sui sommergibili e gli equipaggi di volo, si addestreranno nelle principali forme di lotta sul mare e dal mare, quali la difesa delle navi nella lotta antiaerea, antisommergibile ed antinave, il contrasto alle attività illegali sul mare, la gestione di situazioni di crisi in ambienti con presenza di minaccia convenzionale e asimmetrica e la proiezione di una forza anfibia dal mare su terra. La “Mare Aperto” integra anche l’esercitazione di contromisure mine IT MINEX, coinvolgendo il comando delle Forze di Contromisure Mine della Marina e la forza permanente di contromisure mine della NATO. La “Mare Aperto” è un’esercitazione mirata all’addestramento complesso della Marina Militare, in particolare, e delle Forze Armate in generale, finalizzata al mantenimento di elevati standard di interoperabilità ed integrazione delle forze nazionali e NATO, per la sicurezza marittima comune dell'Italia, europea e dell’Alleanza Atlantica. L’esercitazione è organizzata dal Comando in Capo della Squadra Navale e viene condotta dal Comando della Seconda Divisione Navale. Approfondimenti e aggiornamenti su www.marina.difesa.it

a cura di Marina Militare
anteprima Collaudato l'eliporto per il G7 di Taormina 08-05-2017

E’ stata inaugurata lunedì 8 maggio a Taormina la prima piazzola elicotteri realizzata dal 3° Reparto Genio dell’Aeronautica Militare di Bari per agevolare gli spostamenti dei partecipanti al G7 di maggio. A bordo dell’HH139 del 15° Stormo che è atterrato sull’aviosuperficie di contrada Bongiovanni, nei pressi della piscina comunale, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli. Ad accoglierlo è stato il Prefetto Riccardo Carpino, Commissario Straordinario per il G7, che ha manifestato la propria soddisfazione per il lavoro concluso. Il Generale Vecciarelli ha colto l’occasione per incontrare il personale ancora occupato nella fasi conclusive dei lavori assegnati alla Forza Armata. Nello specifico si tratta di una seconda elisuperficie, in località Piano Porto, e della manutenzione del Palazzo dei Congressi che sta avvenendo in stretta sinergia con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Leggi la notizia completa sul sito dell'Aeronautica Militare.

a cura di Ufficio Pubblica Informazione
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>