LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 03-07-2015 Italian Blade 2015 Video della giornata conclusiva della più grande esercitazione elicotteristica d'Europa data: a cura di:

Il 2 luglio presso il poligono di Monteromano nel viterbese, si è conclusa la Italian Blade 2015, la più grossa esercitazione elicotteristica d’Europa. Giunto alla sua 8° edizione, l’evento organizzato dalla European Defence Agency sotto l’egida del HEP (Helicopter Exercise Programme), aveva preso il via lo scorso 22 giugno. L’attività addestrativa ha visto un ingente spiegamento di forze costituite dai nuclei elicotteri appartenenti a ben 7 nazioni europee: Austria, Belgio, Cechia, Germania, Italia, Slovenia ed Ungheria. Ad essi vanno aggiunti gli osservatori inviati da Lettonia, Portogallo e Svezia. L’Esercito Italiano, oltre ad aver contribuito con il contingente più numeroso, ha anche avuto il comando dell’esercitazione, assegnato al Generale Arrigo Arrighi, Comandante dell’AVES. Le attività addestrative hanno visto la partecipazione di oltre 30 elicotteri e di circa 1.000 uomini, suddivisi tra i reparti di volo, tecnici, medici e personale dedicato alla logistica. L’esercitazione si è conclusa con una dimostrazione finale in cui era prevista una missione di esfiltrazione di un individuo di alto livello (un Generale) situato in territorio ostile. Durante la prima fase un CH-47C CHINHOOK italiano ed un AS532 COUGAR sloveno, protetti da una coppia di Mi-24 cechi, hanno inserito un contingente del 185º Reggimento Ricognizione Acquisizione Obiettivi (RRAO) con compiti di ricognizione finale per il controllo dell’intelligence acquisita. Successivamente CHINHOOK, NH90 ed AB412 appartenenti al 3° Reggimento Elicotteri per Operazioni Speciali "Aldebaran" hanno trasportato incursori SOF appartenenti al 9° Reggimento d’Assalto Paracadutisti “Col Moschin” e i loro colleghi tedeschi, inseritisi in territorio tramite aviolancio o discesa “fast-rope”. In questo frangente, la copertura aerea è stata garantita da una coppia di A129 MANGUSTA. A completamento della missione anche un trasporto FARP, l’intervento di una QRF elicotteristica e una MEDEVAC.

Nel primo video il lancio di 11 operatori del Col Moschin da un CHINHOOK dell'Esercito.

 

Qui un CH-47C italiano ed un AS532 COUGAR sloveno,inseriscono gli operatori del RRAO, protetti da una coppia di Mi-24 cechi

Passaggio radente di un MANGUSTA

Inserimento di SOF tedesche tramite fast-rope da un CHINHOOK

 

Fasi finali dell'esercitazione e parata conclusiva in formazione


Condividi su: