LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 18-09-2018 Aeronautica presenta "Innovazione 360°" data: a cura di:

E’ stato presentato ieri, a Palazzo Aeronautica, il programma di innovazione organizzativa “Aeronautica Militare 4.0: innovazione a 360°”, un progetto che si inserisce nel processo di trasformazione e revisione della governance in atto nel Ministero della Difesa e che vede la Forza Armata impegnata da tempo, insieme a diverse realtà del mondo accademico, nella ricerca sulle relazioni umane all’interno dell’organizzazione e sui processi lavorativi. In particolare, nell’occasione, sono state illustrate una serie di nuove metodologie e strumenti di project, quality e knowledge management, messi a punto in collaborazione con un gruppo di ricercatori dell’Università degli Studi di Firenze, grazie ai quali è stato sviluppato un vero e proprio modello di innovazione organizzativa. Si tratta di una assoluta novità nel campo della Difesa, e più in generale della Pubblica Amministrazione, nell’ambito della quale tale modello potrebbe essere esportato e ulteriormente sviluppato in futuro per una più efficace gestione del patrimonio umano, delle competenze professionali e delle risorse a disposizione.

 

L’incontro si è aperto con un indirizzo di saluto del Sottosegretario alla Difesa, On. Angelo Tofalo, che ha espresso apprezzamento per l’iniziativa e per come “l’Aeronautica si stia intersecando con il mondo accademico. Ritengo che chi si trova in posizioni di comando debba approfondire e studiare nuovi modelli di approccio, per essere in grado di motivare il personale e, allo stesso tempo, migliorare l'efficienza del sistema Paese. Sono convinto che le Forze Armate, ed in particolare l'Aeronautica Militare con questa iniziativa - ha concluso Tofalo – possano costituire un riferimento, una sorta di progetto pilota per lo sviluppo di nuove metodologie".

 

I lavori del simposio, organizzato dall’Ufficio per l’Innovazione Manageriale dello Stato Maggiore Aeronautica, sono stati aperti da un indirizzo introduttivo del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli, che ha sottolineato come “la prima vera necessità, oggi, è avere manager, per meglio dire Comandanti nel nostro caso, che siano in grado di interagire in modo efficace con i propri uomini, cogliendone i bisogni e le aspettative e allo stesso tempo valorizzandone le capacità, che sappiano comandare e intravedere le soluzioni alternative che il mondo ci sta offrendo. Dobbiamo conoscere i molteplici domini in cui le forze armate sono chiamate ad operare per indirizzare in modo corretto l’azione ai vari livelli decisionali, per capire e saper reagire in modo veloce alle situazioni, il tutto per raggiungere efficacemente gli obiettivi assegnati”.

 

Ha poi preso la parola il Sottocapo di Stato Maggiore A.M., Generale di Squadra Aerea Settimo Caputo, che nel delineare il contesto entro cui il programma è nato, ha ricordato come “non sia sufficiente pianificare, organizzare e controllare i processi, ma occorre aggiungere la capacità di guidare, valorizzare e supportare le persone affinché queste possano sviluppare fiducia, che è la base della motivazione e di una leadership partecipativa”. E’ infine intervenuto il Prof. Carlo Odoardi dell’Università degli Studi di Firenze che, nell’illustrare le metodologie applicate a seguito delle rilevazioni e degli studi specifici condotti per diversi mesi sulle relazioni umane e sui processi lavorativi, ha voluto evidenziare come “prima ancora di portare avanti innovazioni tecnologiche, ci sia bisogno di porre le basi attraverso una innovazione culturale, di tipo cognitivo. Il personale va preparato all’innovazione affinché possa contribuire alla filiera della responsabilità. A differenza del cambiamento, inteso come un processo che ha un inizio ed una fine, l’innovazione va intesa come un’evoluzione continua.”

 

Il programma di innovazione comprende una serie di progetti tra loro correlati e finalizzati ad introdurre nuovi strumenti di indagine e ricerca per la valorizzazione del capitale umano, tra cui il C.O.P.P.I. (Clima Organizzativo e Performance del Potenziale Innovativo) e il Feedback a 360°, una vera e propria rivoluzione basata su processi di auto ed etero valutazione del personale inclusi i dirigenti. Altri strumenti cardine del progetto sono stati la creazione di Gruppo Guida del Cambiamento per lo sviluppo di una governance organizzativa strutturata, la realizzazione di una mappatura e misurazione dei processi lavorativi per la trasformazione efficace della struttura ordinativo-organica della Forza Armata, nonché la creazione di una piattaforma informatica diffusa  per la gestione, la condivisione delle conoscenze organizzative e l’attuazione della citata Governance (Portale integrato delle Conoscenze). L’obiettivo è creare un Modello di Portfolio strategico in grado di concretizzare la strategia della Forza Armata attraverso obiettivi S.M.A.R.T. (Specific, Measurable, Achievable, Relevant, Time Bound), dallo Stato Maggiore attraverso gli Alti Comandi sino all’unità periferica fondamentale, lo Stormo.


Condividi su: