a cura della Rivista Italiana Difesa
La NATO rafforza la presenza in Afghanistan data: 30-06-2017 a cura di: Pietro Batacchi

Dal meeting dei Ministri della Difesa NATO conclusosi ieri sera Bruxelles è giunta la conferma dell’intenzione della NATO di rafforzare la propria presenza militare in Afghanistan. Quindici nazioni hanno già garantito i propri contributi aggiuntivi alla missione RESOLUTE SUPPORT. I dettagli precisi non sono stati ancora forniti, ma si parla di 3.000-5.000 unità, la gran parte delle quali americane. Tale incremento permetterà di intensificare gli sforzi di supporto alle forze afghane soprattutto in 3 aree - forze speciali, forze aeree e formazione di nuovi ufficiali – nell’ambito della nuova road map quadriennale promossa dal Presidente Ashraf Ghani. Oggi, in Afghanistan a fianco delle forze di sicurezza afghane ci sono 13.000 soldati della NATO e di alcuni Paesi partner. Di questi, circa 7.000 sono americani, una parte dei quali – si parla di 2.000-2.5000 unità - ha il “doppio cappello” operando anche sotto il comando della missione FREEDOM SENTINEL, la missione americana lanciata dall'Amministrazione Obama nel 2015 che ha il compito di fornire il supporto aereo ravvicinato alle forze governative e colpire obbiettivi ad alto contenuto strategico legati alla filiera talebana e terrorista per ottenere quelli che nel gergo della stessa missione si chiamano gli "strategic effects". Tuttavia, gli Americani non ha ancora ultimato la revisione delle loro forze nello scacchiere dell'Asia sudorientale al termine della quale seguirà l'indicazione sul numero dei soldati che Washington invierà in Afghanistan. A quel punto, presumibilmente a metà luglio, saranno chiari anche i contributi degli altri Paesi. Questo incremento di truppe da parte di NATO ed USA si è reso necessario, sulla base delle indicazioni del Generale John Nicholson, Comandante di U.S. Forces Afghanistan (USFOR-A) e della missione RESOLUTE SUPPORT, a causa della precaria situazione di sicurezza che continua a regnare in molte parti del Paese. Secondo un recente rapporto dello Special Inspector General for Afghanistan Reconstruction (SIGAR), i Talebani controllano o contestano il 40% dei distretti afghani. In particolare, i Talebani hanno una significativa influenza su una fascia di territorio che dalla provincia di Farah attraversa le provincie di Helmand, Kandahar, Uruzgan, Zabul, fino alla provincia di Ghazni. In quest'ultima, ai primi di giugno i Talebani hanno occupato il distretto centrale di Waghaz facendo sfilare i propri uomini in parata – in pieno giorno e senza che nè la coalizione nè i governativi intervenissero – e pubblicando il relativo video sul Web. I Talebani hanno adesso il controllo completo di 5 distretti su 18 della provincia di Ghazni e del 60% di altri 9 distretti. Peraltro, Ghazni è anche una roccaforte di Al Qaeda, Stato Islamico, Islamic Movement of Uzbekistan e dei pachistani di Lashkar-e-Taiba.


Condividi su: