LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 28-11-2016 I lealisti occupano il 40% di Aleppo Est data: a cura di:

I lealisti stanno continuando la loro avanzata ad Aleppo. Negli ultimi giorni le forze fedeli al presidente Assad – unità dell'Esercito, le forze speciali delle Tigri, i paramilitari della Brigata Desert Hawks, i miliziani palestinesi di Liwa Al Quods e quelli iracheni di Al Nujba, supportati da elementi di Hezbollah e dai raid aerei dell'Aeronautica Siriana e di quella Russa – hanno occupato i distretti nella parte nordest della città di Handariyah e di Inzarat e tra ieri e stamani hanno quasi completamente preso il controllo del distretto di Al Sakhur. Questo ha costretto i miliziani di Jaish Al Fateh – la coalizione guidata da Jabhat Fateh al-Sham (ex Al Nusra) e dai salafiti filo-sauditi di Ahrar al-Sham – ad abbandonare diverse posizioni in quest'area per ri-raggrupparsi nella parte sudorientale della città e tentare una resistenza ad oltranza, mentre quasi 10.000 civili hanno lasciato in poche ore i quartieri orientali per rifugiarsi o nella parte occidentale controllata dal regime o nel bastione curdo di Sheikh Maksoud. In pratica, in poco meno di una settimana i lealisti hanno occupato oltre il 40% di Aleppo Est e tutta la parte nordorientale. La battaglia di Aleppo sembra, così, giunta ad una svolta. L'offensiva lealista ha sfruttato il fatto che negli ultimi 2 mesi molti uomini e mezzi del filo-turco Free Syrian Army sono stati ritirati dall'area di Aleppo per essere spostati nel settore settentrionale di Al Bab per appoggiare l'Operazione Scudo dell'Eufrate lanciata da Ankara per porre un "cuneo" tra i 2 cantoni curdi di Hasakah/Kobane e quello di Afrin ed impedirne la riunificazione ad opera dell'YPG. Questo ha indebolito di molto le forze ribelli che hanno visto calare di numero i propri organici e riequilibrare così il rapporto con i governativi. L'altro elemento sfruttato dai lealisti sono stati i massicci attacchi aerei russi contro le linee di comunicazione di Jaish Al Fateh tra Idlib ed Aleppo e lungo l'autostrada M5 attorno allo strategico villaggio di Khan Thouman, obbiettivo fondamentale per i lealisti e ancora saldamente in mano agli uomini di Al Nusra e Ahrar al-Sham. Attacchi in cui sono stati coinvolti i bombardieri tattici Su-34 e i caccia pesanti Su-33 della portaerei KUZNETSOV. Ulteriori approfondimenti su RID 1/17.


Condividi su: