LEONARDO
RID Articoli Mese
logo Marina Militarea cura della Marina Militare
RID - Rivista Italiana Difesa 24-06-2016 Ad Augusta approda campagna prevenzione Una giornata dedicata alla prevenzione dei tumori della pelle con la Marina Militare data: a cura di:

Si è svolta ieri al Comando Marittimo Sicilia la tappa siciliana della campagna di prevenzione nazionaleL’amore per il mare è nella nostra pelle”, promossa dalla Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse (SIDeMaST), in collaborazione con l’Ispettorato di Sanità della Marina Militare e l’Infermeria Presidiaria di Augusta.
La giornata, dedicata alla prevenzione dei tumori della pelle si è articolata su più fasi, con una lezione del professor Gianpiero Castelli, dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Siracusa, che ha illustrato ai militari e civili intervenuti le nozioni sul tema.

Al termine sono stati effettuati dagli specialisti dermatologi più di 150 screening per gli equipaggi e non solo, nell’Infermeria della base di Augusta.

La costante e reiterata esposizione ai raggi ultravioletti (UVA e UVB) comporta il rischio di sviluppare danni importanti per la pelle come i tumori cutanei. I tumori cutanei non-melanoma non sono pericolosi quanto il melanoma, ma sono complessivamente circa dieci volte più frequenti. Si sviluppano spontaneamente in seguito a una prolungata esposizione ai raggi ultravioletti (UV) naturali o artificiali. La principale differenza con altri tipi di tumore della pelle consiste nel fatto che il paziente può manifestare fino a centinaia di lesioni attiniche molto antiestetiche, ciascuna delle quali potenzialmente pericolosa perché può evolvere in forma maligna.

I principali fattori di rischio per lo sviluppo di cheratosi attinica sono, oltre alla predisposizione genetica, proprio le esposizioni solari cumulative prive di protezione, specialmente in persone con pelle e occhi chiari, capelli biondi o rossi e in maggioranza di sesso maschile. Altro fattore di rischio importante è l’età, si registra un progressivo aumento dei casi dai 40 anni in poi.

In ogni caso è molto importante per la prevenzione l'autoesame della cute, consigliato una volta al mese: Linee guida autoesame della cute.pdf.


Condividi su: