LEONARDO
RID Articoli Mese
logo RIDa cura della Rivista Italiana Difesa
RID - Rivista Italiana Difesa 05-04-2016 Firmato l'accordo per i Typhoon del Kuwait data: a cura di:

Dopo circa 6 mesi di attesa, oggi Finmeccanica ha firmato il contratto per la fornitura di 28 velivoli EUROFIGHTER TYPHOON all’Aeronautica del Kuwait, velivoli che saranno realizzati in Italia nello stabilimento Finmeccanica Velivoli di Torino/Caselle. Era dallo scorso settembre, ai tempi della firma del MoU, che si attendeva l’ufficializzazione dell’accordo che è avvenuta alla presenza del Ministro della Difesa Roberta Pinotti e del suo omologo kuwaitiano, Gen. Khaled Al Jarrah Al Sabah. Oltre ai velivoli, il contratto comprende il supporto logistico e quello operativo, la fornitura di 3 simulatori di volo (1 full e 2 ridotti) nonchè l’addestramento degli equipaggi di volo e del personale di terra, tutte attività che saranno svolte in collaborazione con l’Aeronautica Militare italiana. L’accordo prevede anche l’adeguamento infrastrutturale della base di Ahmed Al Jaber, necessario a garantire la piena operatività dei velivoli, anche questo a cura di imprese italiane. Il valore della commessa è di 7,957 miliardi di € con consegne previste tra la fine del 2019 (primi 2 velivoli) e la seconda metà del 2022. I 28 TYPHOON kuwaitiani, suddivisi in 22 monoposto e 6 biposto, saranno in configurazione standard Tranche 3A (senza serbatoi conformal) ed equipaggiati con il nuovo radar AESA CAPTOR-E sviluppato dal consorzio europeo Euro RADAR. Finmeccanica è responsabile di oltre il 36% del velivolo tra parti strutturali e sistemi avionici tra cui il radar e il sistema di ricerca e tracciamento all'infrarosso dei bersagli aerei PIRATE. 

“Si tratta del più grande traguardo commerciale mai raggiunto da Finmeccanica”, ha commentato l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Finmeccanica, Mauro Moretti. “E’ un grande successo industriale con risvolti molto significativi non solo per la nostra azienda e gli altri partner del consorzio Eurofighter, ma anche per l’intero sistema Paese – ha sottolineato Moretti - grazie ai benefici in termini di know-how e occupazione qualificata per tutta la filiera delle piccole e medie imprese italiane attive nel settore della sicurezza e difesa”. Come detto, l’accordo riguarda 28 TYPHOON, mentre non viene fatto alcun riferimento alle voci riguardanti una possibile opzione per altri 18 aerei, e oltre a Finmeccanica coinvolge anche altre aziende italiane quali Elettronica, Vitrociset, AEREA e la multinazionale europea MBDA che fornirà i missili METEOR, STORM SHADOW, BRIMSTONE, ASRAAM e MARTE ER. Il contrato rappresenta il compimento di 6 anni di lavoro portato avanti con grande impegno dall'industria e dalla Difesa, il cui apporto, sia tramite SEGREDIFESA, che tramite l'Aeronautica, è stato fondamentale. Ulteriori approfondimenti saranno dispnibili su RID 5/16. 


Condividi su: