LEONARDO
RID Articoli Mese
Argomento Selezionato: Cielo
anteprima logo RID Cina: vola nuovo aereo d’attacco leggero

Il primo esemplare di serie del nuovo velivolo d'attacco leggero biposto cinese FTC-2000G ha effettuato il volo inaugurale. L’aereo, sviluppato dalla Guizhou Aviation Industry Corporation (GAIC), sussidiaria del conglomerato AVIC ( Aviation Industry Corporation of China), costituisce una versione per l’esportazione dell’addestratore/LCA JL-9 in servizio con l’Aeronautica e l'Aviazione Navale cinese. L’FTC-2000G va sul mercato su quella fascia “bassa” attualmente occupata da MiG-21 , J-7/F-5 ed F-5, in concorrenza con TA/FA-50, M-346FA, ecc. Ulteriori dettagli su RID 11/18.

anteprima logo RID Nuova versione export per l’elicottero cinese Z-10

Stando ad alcune immagini apparse sul web nel corso degli ultimi giorni, la Cina avrebbe apportato alcune modifiche all’elicottero d’attacco di concezione nazionale CAIC Z-10, in vista di una sua potenziale esportazione. Nelle immagini di quello che rappresenterebbe il volo del primo prototipo, l’elicottero appare in verniciatura “desert camo” e con la scritta “Z10ME001” ben evidenziata sui fianchi posteriori della fusoliera. La versione ME rappresenterebbe una variante migliorata dello Z-10 in dotazione all’Esercito Cinese, equipaggiata con un nuovo motore turboalbero Wozhou-16 (WZ-16) in grado di garantire 1.200 kw di potenza rispetto ai 935 kw erogati dall’attuale WZ-9. Altri cambiamenti riguarderebbero i sistemi di protezione, sia dal punto di vista avionico, che di blindatura (in particolare si parla di un irrobustimento dell’intera sezione anteriore, dalla torretta alle prese d’aria, anch’esse ridisegnate) e una maggior carico pagante trasportabile (fino a 16 missili aria-sup/anticarro/aria-aria HJ-10, rispetto agli attuali 8 previsti dalla configurazione standard), ciò anche grazie all’incremento della potenza del motore. Dal punto di vista commerciale, lo Z-10 potrebbe suscitare un moderato interesse da parte di alcune nazioni africane, mediorientali (Iran) ed asiatiche (Malesia e Thailandia), mentre il Pakistan, che per 18 mesi ha avuto la possibilità di testare 3 esemplari di Z-10, ha preferito virare sui T129 ATAK nonostante i costi maggiori dell’elicottero turco. Ulteriori dettagli su RID 11/18.

anteprima logo RID Boeing vince la gara T-X

Come ampiamente previsto, Boeing, in partnership con Saab, si è aggiudicata la gara dell'USAF per il nuovo addestratore T-X. Secondo il comunicato ufficiale, all'azienda è stato assegnato un contratto del valore di 9,2 miliardi di dollari a copertura della fornitura di 351 velivoli e 46 simulatori. Grazie a questa commessa, Beoing potrà restare sul mercato dei caccia da combattimento, a garanzia del mantenimento di una solida base industriale negli Stati Uniti in vista del futuro programma per il caccia di sesta generazione di USAF e US Navy.

anteprima logo RID Prima missione d'attacco per l'F-35B

Lo U.S. Naval Forces Central Command (NAVCENT) ha ufficialmente comunicato che il Marine Fighter Attack Squadron 211 dei Marines, imbarcato sulla nave d'assalto anfibio USS ESSEX, ha condotto la prima missione di combattimento con l'F-35B. Il Comando non ha fornito ulteriori dettagli, non specificando il numero di velivoli impiegati, ma ha reso noto che si è trattato di un raid in supporto all'Operazione FREEDOM SENTINEL in Afghanistan contro obbiettivi "fissi" dei Talebani. Grazie all'F-35B, i Marines hanno acquisito una capacità d'attacco strategico con un velivolo che garantisce più del doppio dell'autonomia di un HARRIER.

anteprima logo RID Autonomia dei velivoli da combatitmento

Quando si pensa alle più importanti prestazioni degli aerei da combattimento, per i caccia vengono subito in mente velocità e maneggevolezza, mentre per gli aerei d’attacco le capacità e la varietà dei carichi d’armamento. Solo nel caso dei bombardieri l’elemento cruciale a cui si fa immediatamente riferimento è proprio la prestazione relativa all’autonomia o, meglio, il raggio d’azione. La sensibilità a questo parametro, in grado di condizionare completamente le operazioni aeree in un certo teatro operativo o addirittura di rendere possibile, o meno, determinate missioni o determinati ruoli, non sembra adeguatamente compresa da molte nazioni e forze aeree. Molto probabilmente ciò è il frutto di una serie di retaggi ed esperienze storiche che, già da molti anni, sono stati completamente superati. Il quadro geopolitico odierno, diremmo a livello globale e non solo regionale, è però del tutto diverso da quello degli anni addietro. Un riesame dei requisiti da soddisfare, con specifico riferimento al raggio d’azione, da parte degli aerei in servizio presso un buon numero delle aeronautiche, le più importanti in primo luogo, si sarebbe dovuto imporre già da lungo tempo. L’enfasi infatti si è chiaramente spostata da un contesto di carattere tradizionalmente tattico, in termini di distanze d’intervento, a uno più strategico, anche qui in termini di distanze d’intervento, e questa tendenza ha coinvolto pure gli aerei concepiti, a livello progettuale, per un impiego tattico. Va anche detto che i tempi di sviluppo degli aerei da combattimento, cresciuti sino a diventare abnormemente lunghi, hanno provocato l’ingresso in servizio di velivoli concepiti sulla base di requisiti operativi stilanti molto, molto tempo addietro. Macchine nate quando la situazione geopolitica era del tutto differente rispetto ad oggi e non era ancora chiaro come si sarebbero le congiunture politiche e militari in alcune aree regionali nelle quali oggi questi aerei si trovano ad operare.

anteprima logo RID L’USAF vuole 74 nuovi squadroni

Nel suo discorso d’apertura, durante l’ultima conferenza annuale “Air, Space and Cyber” della Air Force Association, il Segretario dell’USAF Heather Wilson, ha affermato che “per continuare ad essere in grado di difendere i confini nazionali, fornire un deterrente nucleare credibile, combattere il terrorismo, mantenere l’attuale livello di capacità combat ready e di prontezza operativa del 75% e pareggiare la forza numerica di Cina e Russia”, gli squadroni operativi dell’Aeronautica americana devono passare dagli attuali 312 a 386 (un incremento di 74 unità, pari al 24%) nel sessennio 2025/2030. L’incremento degli squadroni, che comporterà l’immissione di 55.000 uomini (compreso personale civile, della Guardia Nazionale e della Riserva) che innalzerebbe il totale del personale USAF dalle attuali 670.000 unità a 725.000, riguarderà tutte le componenti dell’Air Force. Nello specifico, gli incrementi più sensibili riguarderanno le unità maggiormente utilizzate nelle varie operazioni militari degli ultimi anni, vale a dire quelle dedicate alle attività C2/ISR (che passeranno dagli attuali 40 squadroni a ben 62), la componente rifornimento in volo (da 40 a 54 squadroni) e le unità impiegate nel ruolo CSAR (da 27 a 36 reparti). Per il resto, i reparti dedicati al trasporto passeranno dagli attuali 53 squadroni a 54, gli squadroni bombardieri passeranno da 9 a 14, quelli caccia da 55 a 62, quelli relativi agli UAV nei compiti d’attacco/ricognizione da 25 a 27, gli squadroni dedicati alle attività spaziali passeranno da 16 a 23, mentre i reparti destinati alle Operazioni Speciali verranno portati da 20 a 27. Le uniche componenti che resterebbero invariate sarebbero quelle cyber (18 unità) e missilistiche (9 squadroni). Questi numeri, tuttavia, al momento rappresentano poco più che un programma sulla carta e di difficile attuazione, soprattutto dal punto di vista finanziario. Attualmente, infatti, l’USAF si trova già impegnata ad affrontare una forte carenza di piloti e tecnici, con questi ultimi che dovrebbero subire un incremento di 4.000 unità entro la fine del 2018, mentre la copertura relativa ai circa 2.000 equipaggi mancanti risulta più complessa e lenta. A ciò va aggiunto il progressivo invecchiamento della flotta aerea, soprattutto nella parte relativa al trasporto, al rifornimento in volo, ai compiti C2/ISR (E-3, E-6, RC-135, U-2) ed al bombardamento, mentre la componente caccia ha visto un rallentamento nelle consegne degli F-35A i quali peraltro, vanno a rimpiazzare velivoli ancora in servizio e non ad incrementarne il numero, come invece sarebbe opportuno in vista della creazione di 7 nuovi reparti. Come detto, il principale ostacolo a questo ambizioso piano d’espansione è quello finanziario. L’incremento degli squadroni caccia implicherebbe il relativo incremento nel procurement di F-35 ad almeno 80 velivoli all’anno e/o l’eventuale avvio della produzione di F-15X o F-16 SUPER VIPER, se si vuole evitare di mantenere in servizio F-15C EAGLE ed F-16 FIGHTING FALCON con 40 anni di servizio sulle spalle. Stesso discorso va fatto per la flotta tanker, per i quali tale progetto implicherebbe il congelamento del pensionamento di KC-10 e KC-135R, in attesa della più volte rimandata immissione delle nuove aerocisterne KC-46 PEGASUS (almeno 150 aerei). In generale, per equipaggiare un’Aeronautica composta da ulteriori 74 squadroni, servirebbero non meno 850 velivoli complessivi, tra cui almeno 550 caccia (numero che dovrebbe includere i 300 velivoli da osservazione/attacco leggero OA-X), 150 bombardieri, 150 tanker e 20 aerei da trasporto da immettere entro la prossima decade. A fronte degli attuali costi operativi annuali sostenuti dall’Air Force, pari a 53 miliardi di dollari, un incremento del 24% nel numero degli squadroni – e quindi di aerei e personale tecnico, reclutativo, addestrativo, civile, ecc. – implicherebbe un incremento relativo di non meno di 13 miliardi l’anno di costi operativi, tenendo conto anche degli aumenti dovuti al procurement del nuovo addestratore T-X, del bombardiere B-21 RAIDER (almeno 100 velivoli che sostituirebbero 20 B-2 e 60 B-1) e della sostituzione dei missili balistici intercontinentali MINUTEMAN III come deterrente strategico nucleare ground based. Stima conservativa, tenuto conto che gli squadroni dedicati alle attività C2/ISR e trasporto dovrebbero essere equipaggiati con velivoli attualmente inesistenti. Il prossimo febbraio, con la pubblicazione delle richieste di stanziamenti del Pentagono per l’anno fiscale 2020, si potrebbe avere un quadro più dettagliato riguardo a tale programma che, tuttavia, dovrà fare i conti con le simili richieste provenienti dalla US Navy e con il suo programma di una forza complessiva di 355 navi.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>