LEONARDO
RID Articoli Mese
Argomento Selezionato: Cielo
anteprima logo RID Prime immagini dell’SB-1 DEFIANT

In attesa del primo volo, inizialmente previsto nel 2017, Sikorsky e Boeing hanno rilasciato le prime immagini del nuovo elicottero compound – con rotore in tandem coassiale ed elica spingente – SB-1 DEFIANT. Le 2 aziende hanno sviluppato congiuntamente tale macchine per il programma di dimostrazione tecnologica dell’US Army  Joint Multi-Role Technology Demonstrator (JMR-TD)  nel cui ambito il DEFIANT compete con il convertiplano V-280 VALOR della Bell. Il JMR-TD ha l’obbiettivo di sviluppare e valutare una serie di tecnologie per il programma Future Vertical Lift (FVL) – guidato dall’US Army - che prevede la realizzazione di una serie di aeromobili per le FA americane tra cui un Future Long Range Assault Aircraft (FLRAA), per il rimpiazzo degli elicotteri d’attacco APACHE, un Advanced Unmanned Aerial System (AUAS), un Future Attack Reconnaissance Aircraft (FARA), per sostituire gli elicotteri leggeri da ricognizione armata KIOWA WARRIOR, nonché un futuro elicottero da trasporto medio e pesante.

anteprima logo RID Leonardo Elicotteri: il punto sul settore militare/governativo

Di recente abbiamo avuto la possibilità di compiere una visita presso gli stabilimenti Leonardo di Cascina Costa, Vergiate e Sesto Calende per fare il punto della situazione sulle ultime novità della Divisione Elicotteri.

anteprima logo RID Vola il primo M-345

Il primo addestratore a getto intermedio M-345 HET (High Efficiency Trainer) ha effettuato oggi il volo inaugurale dall’aeroporto di Venegono Superiore (Varese). Ai comandi del velivolo i piloti della Divisione Velivoli di Leonardo, Quirino Bucci e Giacomo Iannelli. Per la precisione l'esemplare in questione era uno dei primi 5 di preserie destinati all'Aeronautica Militare con consegne a partire dai primi del 2020. Al momento, invece, il contratto per l'acquisizione dei primi 12-13 velivoli di serie – pronto da tempo – è in attesa dello sblocco (unitamente, ahinoi, ad altri importanti contratti d procurement militari, vedi VBM...) al Ministero dello Sviluppo Economico.

anteprima logo RID Altri 105 F-35 per il Giappone

Il Governo giapponese ha approvato l'acquisizione di altri 105 caccia multiruolo F-35, in aggiunta ai 42 già ordinati (di cui 9 già consegnati). Di questi 105 nuovi F-35, una quarantina dovrebbero essere in versione a decollo corto e atterraggio verticale STOVL. L'intenzione del Giappone, infatti, sembra quella di modificare le 2 grandi portaelicotteri tuttoponte classe IZUMO da 27.000 t per dotarle di sky-jump e, dunque, della possibilità di operare con l’F-35B. Un passo storico che farebbe cadere un’altra delle limitazioni imposte al Paese dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma che alla luce dei nuovi scenari, e della spettacolare ascesa del potere aero-navale cinese, non ha più senso di esistere. In tale quadro, il consenso americano ad una tale modifica della politica estera e di sicurezza del Giappone sarebbe scontato. Tutti i nuovi velivoli dovrebbero essere prodotti nella FACO “verticale” di Nagoya (la terza al mondo dopo Forth Worth e Cameri) che, a regime, dovrebbe realizzare 6 esemplari l’anno.

anteprima logo RID Altri 4 M-346 per la Polonia

Leonardo ha annunciato che il Ministero della Difesa della Polonia ha esercitato le opzioni per l'acquisizione di ulteriori 4 velivoli per l’addestramento avanzato M-346. L’esercizio delle opzioni, del valore di circa 130 milioni di euro, include il supporto logistico e un aggiornamento del sistema IFF dell'intera flotta di M-346 polacchi allo standard NATO STANAG 4193 Edition 3 sviluppato da Leonardo. Con una flotta di 16 velivoli, che sarà completata entro il 2022, la Polonia diventa il secondo maggiore cliente export dell’addestratore avanzato di Leonardo dopo Israele. Gli M-346 ad oggi ordinati da Italia, Polonia, Singapore e Israele sono in totale 76.

anteprima logo RID EUROMALE: si consolida il progetto

Il nuovo UAV europeo da ricognizione e strike EUROMALE ha ufficialmente completato la Preliminary Design Review. Nelle prossime settimane Airbus, in qualità di prime contractor del progetto, dovrebbe ricevere il contratto per lo sviluppo e la progettazione di dettaglio. L’obbiettivo, ricordiamolo, è avere l’EUROMALE in servizio nel 2025. Il programma, che riunisce Italia, Francia, Germania e Spagna, vede la partecipazione nel team guidato da Airbus, anche di Dassault, e Leonardo. Il velivolo si presenta di notevoli dimensioni, presumibilmente nella categoria "super-MALE" delle 5-6 t, ed apertura alare altrettanto notevole. Leonardo dovrebbe avere nel progetto una quota nell’ordine del 20-25%.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>