LEONARDO
RID Articoli Mese
Argomento Selezionato: Sicurezza
anteprima logo RID Il TASER

Anche l'Italia, dopo quasi tutti i Paesi europei, ha deciso di distribuire il TASER alle proprie forze di polizia, per ora solo a scopo sperimentale in alcune città campione, il più possibile rappresentative delle svariate tipologie di centro urbano del nostro Paese (capoluoghi più o meno grandi sparsi su tutto il territorio nazionale). Come spesso accade la cosa è stata accompagnata da vibranti polemiche. Ma su tutto questo torneremo più avanti. Il nome TASER viene spesso utilizzato molto impropriamente per definire qualsiasi storditore elettrico (stun gun) in grado di infliggere scosse dolorose, compresi addirittura i pungoli elettrici, utilizzati per il bestiame (cattle prodes). In realtà il TASER non è affatto assimilabile ad uno storditore elettrico. Attualmente esso rappresenta l'unico esempio di NMI (Neuro-Muscolar Incapacitator), ovvero un'arma che utilizza la corrente per interrompere il controllo dei muscoli volontari. Altri nomi simili per definire il TASER sono HEMI (Human Electro Muscular Incapacitation), oppure, CEW (Conducted Energy Weapon). Il nome TASER deriva da TSER, cioè Tom Swift's Electric Rifle, ovvero l'arma utilizzata dal protagonista di una serie di romanzi d'avventura per ragazzi pubblicati all'inizio del XX secolo. L'idea aveva evidentemente colpito un ingegnere della NASA, Jack Cover, che negli anni '70 sviluppò uno strumento che con una piccola capsula pirotecnica scagliava 2 dardi metallici, collegati ad un filo, in grado di scaricare nel corpo della vittima fino a 50.000 Volt, ma con una corrente molto bassa. Il risultato era una dolorosa serie di contrazioni muscolari che bloccavano qualsiasi atto volontario, senza causare effetti letali o danni permanenti. Nel 1979 Cover riuscì a vendere la propria invenzione al Dipartimento di Polizia di Los Angeles per una sperimentazione. Pochi mesi prima c'era stato un grave incidente: 2 agenti intervenuti per sedare un litigio, avevano ucciso una donna di colore, temendo che li volesse accoltellare. L'episodio aveva suscitato un notevole clamore mediatico ed il processo, pur se risolto con l'assoluzione degli agenti, aveva messo in pessima luce il Dipartimento di Polizia.

anteprima logo RID Termina la Unified Vision 2018

L’esercitazione NATO Unified Vision 2018, iniziata l’11 giugno, si è conclusa dopo 2 settimane di attività addestrative che hanno coinvolto 17 paesi membri e 2 paesi partner (Finlandia e Svezia).

anteprima logo Stato Maggiore Difesa Concluso il 6° corso addestramento C-IED in Iraq

Missione in Iraq: Concluso il 6° corso addestramento C-IED. Si è concluso in Iraq il corso Counter Improvised Explosive Device a favore di 19 soldati del 1° Support Forces Command.

a cura dello
anteprima logo RID Secondo corso anfibio per personale libico

I militari della Brigata Marina San Marco addestrano le Forze Speciali della Marina libica

anteprima logo RID A caccia di droni con R&S®ARDRONIS

La minaccia dei droni commerciali, o rudimentali, è sempre più sentita. E quanto questa percezione sia fondata lo dimostrano i recenti accadimenti nel teatro oeprativo siriano con gli attacchi condotti da sciami di droni contro la base aerea di Jableh/Latakia.

anteprima logo RID La pistola mitragliatrice PMX

La nuova pistola mitragliatrice Beretta PMX in calibro 9x19 Parabellum, che è già stata adottata dai Carabinieri, ha l’onore e l’onere di rinverdire i successi della PM-12 in un segmento, quello dei mitra, davvero competitivo. L’arma ha molte qualità quali la leggerezza, l’ergonomia e la sicurezza.

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>