LEONARDO
RID Articoli Mese
Argomento Selezionato: Cielo
anteprima logo Aeronautica Italiana Aeronautica: primi equipaggi PREDATOR addestrati completamente in Italia

 

L’integrazione di sistemi di simulazione avanzati è elemento portante nella rivoluzione nei settori dell’addestramento e delle operazioni, punti di forza della nuova era ’Aeronautica 4.0’

Concluso presso la base aerea di Amendola il primo corso di abilitazione interamente svolto in Italia per piloti e sensor operator su velivoli a pilotaggio remoto Predator. L'Aeronautica Militare, grazie alla recente acquisizione del simulatore MQ-1 presso il 28° Gruppo del 32° Stormo, diventa così la prima forza aerea europea a svolgere in house tutta la fase addestrativa di abilitazione su assetti APR di classe strategica. Questa capacità va ad affiancare i corsi di addestramento basico, propedeutici al conseguimento di titoli e qualifiche relativi al pilotaggio di sistemi APR di classe "Tattici", "Leggeri" e "Mini e Micro" o per l'impiego dei loro sensori, svolti dall'Aeronautica Militare attraverso il Centro di Eccellenza per Aeromobili a Pilotaggio Remoto, anche a favore delle altre Forze Armate e di altri Dipartimenti e Corpi Armati dello Stato.

Il nuovo sistema di simulazione permette di svolgere per intero le diverse fasi dell'iter addestrativo, da quella di "Launch and Recovery", ovvero relativa alla gestione del velivolo durante le operazioni a terra, di decollo e di atterraggio, a quella di "Mission Control", fase puramente tattica che consente il raggiungimento dell'area di operazioni per la raccolta delle informazioni sull'obiettivo assegnato, nonché tutta la parte addestrativa riguardante la gestione e la risoluzione delle emergenze in volo e a terra. 

La nuova piattaforma addestrativa in dotazione al Reparto pugliese va ad integrare quelle già utilizzate dal Centro di Eccellenza per Aeromobili a Pilotaggio Remoto e costituite dall' "UAS (Unmanned Aerial Systems) Battle Lab", un cluster di simulatori rappresentativi di diversi sistemi APR delle classi Mini, Tattici e MALE (Medium Altitude Long Endurance) che consente l'impiego congiunto delle tre piattaforme in scenari virtuali complessi, e dal più recente simulatore APR di missioni strategiche acquisito all'inizio del 2018 nell'ambito di un programma addestrativo multinazionale dell'Agenzia Europea per la Difesa (EDA) denominato "Interoperable MALE RPAS ISR Training" (IMRIT). Italia e Francia sono al momento gli unici Paesi europei ad avere già in servizio questo sistema di simulazione avanzato, di cui progressivamente verranno dotati anche i Centri di Eccellenza e le Scuole APR militari di Germania, Grecia, Olanda, Polonia, Spagna (MALE RPAS Community), Belgio e Regno Unito (European Air Group). Una "cornice addestrativa" che, una volta ultimata, andrà ulteriormente a migliorare l'interoperabilità tra gli Stati Membri, con vantaggi addestrativi e significativi risparmi di risorse. 

Tutte queste capacità, espresse dall'Aeronautica Militare con il 32° Stormo e il Centro di Eccellenza APR, fanno dell'aeroporto di Amendola un polo di riferimento unico nel panorama nazionale interforze per l'addestramento nel segmento Aeromobili a Pilotaggio Remoto. L'acquisizione e la progressiva integrazione nei processi addestrativi e poi operativi di questi nuovi sistemi di simulazione avanzata e la loro progressiva federazione in un unico network costituisce uno dei pilastri fondamentali della nuova era "Aeronautica 4.0", un processo di innovazione a 360° che coinvolge tutti i principali settori della Forza Armata, dal personale, alla logistica, passando appunto per l'addestramento e le operazioni. Una rete distribuita di sistemi che consentono la simulazione di tipo live, virtual e constructive generando ambienti operativi complessi e garantendo lo scambio delle informazioni per il raggiungimento di quella superiorità decisionale che costituisce il comune denominatore ed il reale valore aggiunto per il successo nelle moderne operazioni militari. Successo che deve partire necessariamente proponendo modelli addestrativi particolarmente fedeli ed integrati.

 

Leggi la news completa sul sito dell'Aeronautica Militare

a cura dell'
anteprima logo RID Consegnato nuovo lotto di F-15SA

Il 23 luglio è partito il volo di trasferimento di un nuovo lotto di 5 cacciabombardieri tattici F-15SA (SAUDI ADVANCED, versione saudita dello STRIKE EAGLE) destinati all’Aeronautica saudita. 

anteprima logo RID Parte la produzione del PHOENIX iraniano

Dopo oltre 6 anni di progettazione e sviluppo, il 23 luglio l’Iran ha ufficialmente comunicato l’entrata in produzione del missile aria-aria a medio/lungo raggio a guida radar semi-attiva AIM-23B FAKOUR-90 destinato agli F-14A TOMCAT ed agli F-4 dell’Aeronautica Iraniana. Prodotto dalla Babaiee su copia del missile americano a lungo raggio AIM-54 PHOENIX, progettato negli anni ’60 appositamente per equipaggiare i TOMCAT dell’US Navy per la difesa aerea dei gruppi da battaglia portaerei da missili da crociera e da bombardieri strategici russi, il FAKOUR-90 dovrebbe sostituire i vecchi AIM-7E-2 SPARROW a medio raggio. Il primo missile – designato AIM-90A – era stato testato nel febbraio del 2017, quando aveva colpito con successo un drone bersaglio KARRAR nel poligono missilistico di Semnan. Ulteriori approfondimenti su RID 9/18.

anteprima logo RID Israele abbatte Su-22 siriano

Un missile israeliano PATRIOT PAC-2/GEM+ ha abbattuto un cacciabombardiere siriano Su-22M4.

anteprima logo RID BAE per l’upgrade degli F-16 emiratini

Lockheed Martin ha selezionato BAE Systems come fornitore dei nuovi sistemi digitali per il controllo del volo fly-by-wire (DFCC - Digital Flight Control Computer) e dei nuovi HUD Digital Light Engine che verranno installati sui caccia multiruolo F-16E/F Block 60 degli Emirati Arabi Uniti. L’accordo prevede la progettazione, lo sviluppo, la produzione, la fase di test e la certificazione finale di 100 DFCC e HUD da concludersi nel biennio 20/21, con opzione per ulteriori esemplari destinati ad upgrade di velivoli esistenti e, come specificato nel comunicato di BAE Systems, “di eventuali aerei di nuova produzione”. Tale opzione trova giustificazione nel riavvio della linea di produzione ed assemblaggio di Lockheed Martin nella nuova sede di Greenville (Sud Carolina), in seguito al recente ordine di Bahrein (16) e Slovacchia (14) per 30 F-16V VIPER Block 70, e nella possibile - per quanto estremamente complessa, come d’abitudine - commessa indiana che potrebbe portare l’ordinativo totale di DFCC ed HUD DLE a 315 unità – altrettanti velivoli - fino al 2028. Il nuovo HUD elettro-ottico, sostituirà l’attuale display a testa alta analogico a tubo catodico presente sugli F-16, mentre la maggior capacità computazionale del DFCC garantirà un incremento nella velocità di trasmissione dei comandi provenienti dalla barra di comando e dai pedali ai vari attuatori presenti su timone, stabilizzatori e spoiler del velivolo.

anteprima logo RID F-22: solo 80 gli aerei mediamente disponibili

Secondo uno studio del GAO (General Accounting Office) appena pubblicato sarebbero solo un’ottantina, su 187, gli F-22 RAPTOR mediamente utilizzabili in operazioni. A pesare su questo basso livello di disponibilità operativa sarebbero soprattutto la complessa manutenzione del velivolo – in particolare per ciò che concerne il trattamento delle superfici stealth che richiede molto tempo e che sottrae a lungo i velivoli al servizio – e le modalità organizzative con la quale l’USAF gestisce la flotta dei RAPTOR.