LEONARDO
RID Articoli Mese
Argomento Selezionato: Difesa
anteprima logo RID Israele vs Iran: è guerra

E' ormai guerra aperta tra Israele ed Iran sul fronte siriano-libanese. Stanotte, per la prima volta, c'è stata una reazione ai continui attacchi israeliani contro obbiettivi iraniani in territorio siriano, l'ultimo dei quali nella notte tra l'8 ed il 9 maggio aveva colpito una base ad Al Kiswa, a sud di Damasco. La reazione ha riguardato un un fitto lancio di razzi e di colpi di artiglieria proveniente dalla Siria contro diversi postazioni israeliane sulle Alture del Golan. Tra gli obbiettivi vi sarebbero stati 3 centri di comando, 3 centri di trasmissioni e guerra elettronica, un posto di osservazione ed una pista per elicotteri. Alcuni dei razzi lanciati sarebbero stati intercettati dal sistema anti-razzo israeliano IRON DOME, e non si ha al momento notizia di danni rilevanti. La risposta delle IDF (Israele Defence Forces) è stata immediata e durissima. Dapprima è intervenuta l'artiglieria – presumibilmente con i semoventi da 155 mm M109 DOHER e i lanciarazzi campali da 227 mm M270 MENATETZ (questi ultimi dispiegati sul Golan nell'ultima settimana) – che ha battuto le posizioni dell'Esercito Siriano e delle NDF (National Defence Force) nel Governatorato di Quneitra, dopodichè è toccato all'Aviazione. Secondo le prime informazioni, i velivoli israeliani avrebbero attaccato in 2 ondate oltre 30 obbiettivi nel sud della Siria, nella provincia di Homs e nell’area di Damasco, appartenenti in larga parte ad Hezbollah e Guardiani della Rivoluzione iraniani, ma anche alla Guardia Repubblicana Siriana, colpendo depositi, postazioni radar e batterie antiaeree. Almeno 4 aerei dell'Aeronautica Israeliana avrebbero violato lo spazio aereo libanese. Alcuni missili POPEYE e DELILAH lanciati da F-15I RAAM ed F-16I SUFAsono stati stati abbattuti dai sistemi antiaerei PANTSIR S1 e TOR-M1 siro-iraniani. Aggiornamenti nelle prossime ore.

anteprima logo RID Le Forze d’Assalto Aereo ucraine

Nell’attuale organizzazione delle FA ucraine (Zbroyni Syly Ukrayiny, ZSU), le Forze d’Assalto Aereo (Desanto-Shturmovi Viyska, DshV) costituiscono una branca separata dalle altre Forze Armate, ovvero dalle Forze terrestri (Sukhoputni Viyska), Forze Navali (Viyskovo-Morski Syly) e Forze Aeree (Povitryani Syly), nonché dalle neo Forze per Operazioni Speciali (Syly Spetsialnikh Operatsy), le quali da poco dispongono di un proprio comando separato (vedi box a pag. 6), posto alle dirette dipendenze del Capo di Stato Maggiore Generale delle ZSU, il quale, a sua volta, fa capo al Ministero della Difesa. Sin dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica e del Patto di Varsavia, l’Ucraina disponeva già di una forza aviotrasportata di tutto rispetto, ereditata in gran parte dalle defunte FA sovietiche. In particolare, stiamo parlando della 98ª Divisione Aviotrasportata della Guardia (Gvardeyskoy Vozdushno-Desantnoy Diviziya), di cui Kiev e Mosca recuperarono parte degli elementi organici, i quali permisero successivamente all’Ucraina di costituire nel giugno 1993 la 1ª Divisione Aeromobile (Aeromobi?lna Dyviziya). Quest’ultima si articolava allora sulla 25ª Brigata Aerotrasportata Separata (Okrema Povi?tryano-Desantna Bryhada), sulla 45ª Brigata Aeromobile (Aeromobilna Bryhada), sul 91º Reggimento artiglieria (Artyleriyskyy Polk) e sul 28º Battaglione istruzione (Navchalnyy Batalyon), più alcuni reparti minori di supporto tattico-logistico: l’insieme degli organici era stanziato nell’oblast di Odessa, per lo più a Bolhrad e a Wesyoly Kut. Nel frattempo, in base ad una direttiva dello Stato Maggiore delle FA ucraine del 12 dicembre 1992, era stato attivato il 95º Centro di istruzione ed addestramento delle forze aviotrasportate/aeromobili. Va precisato che il già citato 28º Battaglione era allora integrato in seno al 169º Centro di istruzione di Desna, oblast di ?ernihiv, il quale, posto alle dirette dipendenze del Comando delle Forze Terrestri, era incaricato della formazione del personale assegnato alle truppe corazzate-meccanizzate, aviotrasportate-aeromobili, e all’artiglieria. All’inizio del terzo millennio, dopo essere state progressivamente potenziate nel corso degli anni novanta, le forze aviotrasportate ucraine erano costituite sempre dalla 1ª Divisione Aeromobile, alla quale nel frattempo era stata assegnata la 27ª Brigata Meccanizzata (Mekhanizovana Bryhada), stanziata a Bilhorod-Dnistrovskyï, sempre nell’oblast di Odessa, dalla 95ª Brigata Aeromobile, basata a Žytomyr, oblast omonimo, nata per trasformazione del già citato 95º Centro di Istruzione, dalla 79ª Brigata Aeromobile di stanza a Mykolaïv, oblast omonimo, e dalla 80ª Brigata Aeromobile stanziata a Leopoli/Lviv, oblast omonimo, più dal già citato 28º Battaglione di istruzione. Come vedremo in seguito, solo recentemente le brigate aeromobili sopracitate sono state ribattezzate come “Brigate da Assalto Aereo”.

anteprima logo RID La “Nuclear Posture Review” USA

L’ 8 febbraio scorso il Dipartimento della Difesa americano ha rilasciato la “Nuclear Posture Review” (NPR) per definire i nuovi parametri per il ruolo del deterrente nucleare nel quadro della politica di sicurezza nazionale e di difesa degli Stati Uniti. Il documento, che sostituisce una precedente “Review” formulata dall’Amministrazione Obama nel 2010, completa e integra le 2 precedenti espressioni dell’approccio dell’ Amministrazione Trump ai grandi temi della sicurezza nazionale e della difesa, e cioè la National Security Strategy (NSS) e la National Defence Strategy (NDF), di cui ci siamo occupati nel numero di marzo. Prima di passare all’esame del documento, ritengo necessario fare 2 premesse. La prima premessa riguarda la posizione personale di chi scrive. Non sono un Dottor Stranamore redivivo, e non provo alcuna macabra attrazione per il terribile potenziale distruttivo delle armi nucleari. Sono, anzi, sin troppo chiaramente cosciente delle spaventose conseguenze che avrebbe un conflitto nucleare. Ma d’altro canto, sono altrettanto chiaramente cosciente che il più lungo periodo di pace nella storia dell’umanità, di cui abbiamo goduto e stiamo godendo, si deve esclusivamente alla forza del deterrente nucleare, e dell’equilibrio strategico garantito dalla percezione della distruzione reciproca assicurata (ben rappresentata dalla sigla inglese MAD, Mutually Assured Destruction, che, come vocabolo, significa "pazzo"). Sono quindi convinto che, pur se il cavalcare la tigre possa risultare spiacevole e pericoloso, e richieda comunque un’estrema attenzione, i rischi connessi con il voler scendere sono ben peggiori. Tutte le polemiche, le campagne e le prese di posizione per “liberare il mondo dalle armi nucleari”, anche quando sono in buona fede (il che non è sempre il caso), non farebbero altro, se dovessero mai avere successo, che riportare la guerra nel novero delle opzioni disponibili alle grandi potenze per il perseguimento dei loro obiettivi – opzione che sarebbe immediatamente sfruttata, e con tutto il gusto derivante da una lunga astinenza. E’ solo la minaccia della rappresaglia nucleare, e non certo l’ONU o le “marce per la pace”, a costringere le grandi potenze ad esercitare una grande cautela nelle loro mosse, per quanto succulenta possa essere la posta in palio.

anteprima logo RID Il libro bianco olandese

Lo scorso 26 marzo, l’Olanda ha presentato il piano di spesa quindicennale per la difesa. Il documento stabilisce la precisa volontà di incrementare le capacità delle 3 FFAA con il procurement di nuovi materiali e sistemi d’arma e la modernizzazione di quelli acquisiti in tempi più recenti. 

anteprima logo Stato Maggiore Difesa NRDC-ITA: cooperazione con European University Institute

Presso la sede della Presidenza dell’EUI ha avuto luogo la firma del Memorandum of Cooperation (MOC) tra il citato Istituto ed il NRDC-ITA

a cura dello
anteprima logo RID Attacco alla Siria. Aggiornamenti

Stanotte Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna hanno lanciato un attacco contro una serie di obbiettivi in territorio siriano. Come andiamo dicendo da giorni, il presunto attacco chimico di Douma non poteva restare senza risposta, e le 3 potenze occidentali sono passate all'azione. Secondo quanto comunicato in un briefing del Pentagono, sarebbero stati colpiti uno stabilimento del Syrian Scientific Studies and Research Center (SSRC) nella capitale Damasco, un centro di stoccaggio di armi chimiche ad ovest di Homs e, sempre nell'area di Homs, un altro centro di stoccaggio ed un posto di comando. Secondo altre fonti, invece, nell'attacco sarebbero state colpite anche la base di Dumayr, da dove sarebbero partiti gli elicotteri che avrebbero lanciato i barili al cloro contro Douma il 7 aprile, e la base missilistica di Al Qutifah. Nell'attacco sarebbero stati lanciati oltre 100 missili, da navi e sottomarini nel Mediterraneo Orientale, ma anche da aerei. In particolare, come scrivevamo anche ieri, nell'area operativa gli Stati Uniti possono contare sul cacciatorpediniere USS DONALD COOK, sul sottomarino OHIO convertito USS GEORGIA e sul sottomarino classe VIRGINIA  USS JOHN WARNE, ma sarebbero stati impiegati anche bombardieri strategici B-1B LANCER decollati dalla base qatarina di Al Udeid che dovrebbero aver usato missili standoff a lungo raggio JASSM ER. Coinvolte anche Francia e Regno Unito. Parigi ha usato i propri caccia RAFALE di stanza in Giordania (equipaggiati con la versione lanciabile da aereo del missile da crociera a lungo raggio SCALP, SCALP-EG), ma potrebbe aver coinvolto anche la fregata tipo FREMM classe AQUITAINE nel Mediterraneo equipaggiata con 16 missili SCALP-Naval. Gli Inglesi, invece, come confermato dal Ministero della Difesa di Londra, hanno utilizzato 4 bombardieri tattici TORNADO GR4 che hanno impiegato nell’attacco missili da crociera STORM SHADOW (la versione britannica dello SCALP). La Russia, che ha minacciato "conseguenze", ha tuttavia precisato che le proprie difese in Siria non sono intervenute. Secondo fonti locali e secondo fonti libanesi vicine ad Hezbollah, oltre una dozzina di missili sarebbero stati abbattuti dalla contraerea di Damasco. Al momento la sensazione è che si sia trattato di un attacco, di intensità superiore a quello lanciato lo scorso anno dopo i fatti di Khain Sheikhun, ma pur sempre dimostrativo su obbiettivi in qualche misura "concordati" con la Russia. Tuttavia, una valutazione più approfondita dovrà giocoforza essere fatta più avanti con maggiore calma.