LEONARDO
RID Articoli Mese
Argomento Selezionato: Difesa
anteprima logo RID L'EI dispiega counter UAV in teatro

L'Esercito Italiano sta dispiegando in teatro - finora a Mosul - un sistema counter UAV.

anteprima logo RID IDEX 2019: al via con il botto

Ha preso avvio oggi, nella consueta cornice dell' Abu Dhabi Naional Exhibition Center (ADNEC), la quattordicesima edizione di IDEX e la quinta dell'annessa mostra navale, NAVDEX. Il salone cade in un momento molto delicato per la regione e per gli EAU, in particolare. La guerra civile in Yemen macina risorse e lo strategico porto di al-Hudaydah, che costituisce la principale fonte di approvvigionamento dall’esterno per i ribelli sciiti Houthi, non è stato conquistato dalle forze della coalizione a guida saudita che da diversi mesi hanno lanciato un’offensiva contro la città. Del resto la colazione “alleata” è parecchio variegata e contiene un po' di tutti. Da milizie locale, che alle volte si scontrano tra loro, militari e miliziani sudanesi, miliziani colombiani, legioni di contractors occidentali, regolari sauditi ed emiratini (pochi per la verità) ecc. Non è un caso che l’ospite d’onore oggi alla prima sia il Presidentissimo ceceno Ramzan Kadyrov, rigorosamente in abiti...tattici…, i cui mercenari hanno da sempre parecchio mercato, Yemen compreso.Gli EAU, pur essendo parte della colazione, lo sono però a modo loro e con interessi loro. Alimentano lo storico separatismo del sud del Paese) e guardano alla creazione nella regione di una sfera di influenza autonoma (visto che i rapporti con il vicino saudita sono spesso di cooperazione/competizione), in parte necessaria a sostenere lo sforzo bellico in Yemen ed in parte ad esaltare il proprio ruolo di hub logistico-commerciale con al centro la mega area portuale di Jebel Ali a sud di Dubai (la mega area portuale a sud di Dubai). In questo quadro, a partire dal 2015, gli EAU hanno rafforzato massicciamente la propria presenza in Eritrea e Somaliland, ma anche nel Puntland. In Eritrea, è stato sottoscritto un accordo con il Presidente Isaias Afewerki per l’affitto di una parte del porto di Assab e la costruzione di una base militare provvista di pista idonea ad operare velivoli di grosse dimensioni ed in grado di ospitare circa 1.500 uomini. In più occasioni, immagini satellitari hanno documento la presenza di caccia MIRAGE-2000, trasporti C-130 e C-17, elicotteri CHINOOK e APACHE, ma anche di mezzi terrestri – carri LECLERC e IFV BMP-3, e navi (corvette BAYNUNAH e mezzi da sbarco). In Somaliland, nel 2017 gli UAE hanno ufficializzato la sottoscrizione di un accordo identico a quello sottoscritto con l’Eritrea che prevede la costruzione di una base militare, molto simile a quella di Assab, presso il porto di Berbera. Anche in questo caso, il trattato prevede una concessione di 25 anni, periodo nel quale il Governo emiratino si è impegnato alla ricostruzione delle infrastrutture viarie sia urbane sia di collegamento tra Berbera e Hargeisa, alla ristrutturazione del porto di Berbera tramite investimenti pari a 440 milioni di dollari e alla realizzazione di progetti nel settore turistico e della sanità. Infine, il Puntland ha sottoscritto con gli EAU un accordo per la ricostruzione del porto di Bosaso e per l’addestramento della Puntland Maritime Force, una sorta di Guardia Costiera locale. Sull’onda dello Yemen e di una congiuntura economica più favorevole, i budget militari sono tornati a crescere in tutta l’area del Gulf Cooperation Council (GCC) con un significativo 6% in più nel 2018 e quest’anno c’è chi parla di una spesa militare complessiva per il GCC superiore ai 100 miliardi. Una tendenza in crescita, dunque, evidenziata anche dai numeri della mostra: 1310 aziende rispetto alle 1235 di 2 anni fa -85% internazionali e 15% locali (170) – ed una superficie espositiva cresciuta del 26%; da 133.000 m² a 168.00 m². In grande spolvero, come ogni edizione, l’industria locale che però stenta a consolidarsi in qualcosa di veramente credibile. Il conglomerato EDIC - nato nel dicembre 2014 per razionalizzare le attività industriali delle 3 casseforti emiratine Mubadala, Tawazun e EAIG – ha completato l’integrazione, ma i progetti concreti, veri, latitano dopo il clamoroso fallimento dell’IFV 8X8 ENIGMA e la scelta dell’Esercito Emiratino di acquistare il RABDAN, una variante customizzata con la torretta del BMP-3 dell’Otokar 8x8 ARMA. Le consegne dei primi veicoli sono iniziate e la produzione al momento è in corso in Turchia e solo in un secondo momento dovrebbe spostarsi negli EAU. Peraltro un paio di RABDAN hanno preso parte alla tradizionale e pittoresca dimostrazione live che apre il salone. Nimr ha invece presentato l’ennesimo veicolo tattico multiruolo 4x4, dotato nella fattispecie di una torretta con mitragliatrice a canna rotanti Dillon, mentre l’ordine annunciato 2 anni fa per oltre 1000 MRAP JAIS 4x4 e 6x6 non sembra essere stato concretizzato. In ogni caso, già oggi le FA emiratine hanno annunciato oltre 1 miliardo di contratti, di cui quello più grosso andato a Raytheon per i sistemi antiaerei sup-aria PATRIOT. Per quanto riguarda i requisiti, continuano le voci circa la volontà emiratina di acquisire l’F-35, mentre del progetto congiunto con la Russia, lanciato 2 anni, per lo sviluppo di un nuovo caccia leggero, non sembra esserci traccia. Nessuna grande novità neanche sul rimpiazzo degli MB339 della pattuglia locale Al Fursan. Detto per sommi capi dei “locali” diamo un primo sguardo a ciò che offre la mostra. Gli Italiani sono presenti con tutte le “big”; da Leonardo, a Fincanteri, passando per Elettronica, Beretta e così via. Leonardo, tra le altre cose, presenta un sistema integrato counter-UAV basato sul FALCON SHIELD impiegato di recente per contrastare l’attività di droni non identificati negli aeroporti londinesi di Gatwik e Heatrow. Interessante, sempre in casa Leonardo, anche la torre HITFACT con cannone da 120 mm montata su un 8x8 Patria AMV. Fincantieri, invece, ha voluto portare un modello di nuova LHD da 20.000 t caratterizzata da sovrastruttura singola e albero integrato con radar bi-banda a facce fisse, e da un bacino allagabile capace di ospitare anche mezzi da sbarco a cuscino d’aria. Per quanto riguarda le aziende internazionali, il colosso europeo MBDA ha lanciato proprio oggi lo SPIMM (Self-Protection Integrated Mistral Module), un sistema per l'autodifesa di navi supporto, grandi navi commerciali e mezzi da sbarco da minacce quali missili antinave, UAV, aerei in volo a bassa quota ma anche naviglio veloce d’assalto. Il sistema combina un affusto SIMBAD-RC, dotato di 2 missili a corto raggio MISTRAL, ed una torretta panoramica in un modulo shelterizzato ISO standard da 10 piedi. Il tutto gestibile da 2 operatori. Da sottolineare anche l’avvio di uno studio congiunto MBDA/Leonardo per l’integrazione del missile antinave leggero MARTE ER sull’M-346 FA – un ordigno per semiala – ed una prima “ricognizione” interna circa la fattibilità di un’eventuale integrazione dello stesso ordigno nelle baie dell’F-35. Altre novità occhieggiano qua e là. I Russi espongono per la prima volta in un’esibizione all’estero la torretta combinata per la difesa ravvicinata di punto PANTSIR-ME, idonea per essere installata su navi da combattimento con un dislocamento a partire dalle 300 t, mentre nella banchina di NAVDEX campeggia, tra gli altri, anche il secondo OPV classe ARIALAH, denominato HAMIM e basato sul disegno Damen SEA AXE 6711, destinato alla Critical Infrastructure and Coastal Protection Authority (CICPA).

anteprima logo RID Confermato: USA fuori dal Trattato INF

Gli Stati Uniti hanno confermato per bocca del Segretario di Stato Mike Pompeo l’uscita dal Trattato INF dopo che da mesi ne avevano annunciato la violazione da parte della Russia. Ricordiamo che l’INF prevede lo smantellamento di tutti i missili balistici e da crociera basati a terra, convenzionali e nucleari, con portata compresa tra i 500 e i 5.500 km e i relativi lanciatori. Alla data prevista per il completamento dell’impegno, e cioè il maggio 1991, Stati Uniti e URSS avevano rispettivamente ritirato e distrutto un totale di 846 e 1.846 sistemi: tutti gli SS-20 russi e tutti i PERSHING II e i GRYPHON americani basati in Belgio, Gran Bretagna, Italia e Olanda. La decisione americana è una conseguenza dello sviluppo e del dispiegamento del missile russo da crociera lanciabile da terra 9M729/SSC-8, accreditato di una portata di oltre 1.500 km e derivato dal 3M14 KALIBR per impiego navale. Il Cremlino non ha mai ufficialmente confermato il dispiegamento di questa arma, mantenendo sulla questione una certa ambiguità (secondo il principio che l’incertezza crea deterrenza...) e stigmatizzando invece come destabilizzante il dispiegamento da parte americana di un segmento della difesa antimissile (BMD, Ballistic Missile Defense) in Romania e Polonia. E’ possibile, pertanto, che la Russia abbia sviluppato questo sistema d’arma proprio per controbilanciare in qualche modo la presenza in Polonia e Romania degli intercettori americani SM-3, che nella loro versione Block IIA sembra abbiano capacità d’ingaggio anche di missili balistici intercontinentali. A questo punto, pure gli Americani potranno sviluppare nuovi missili balistici o da crociera con gittata supereroe ai 500 km, ma gli studi e gli sviluppi in tal senso sono in corso da tempo, e saranno liberi dai vincoli dell’INF. Vincoli che, ricordiamolo, non riguardano la Cina tanto che Pechino ha potuto realizzare negli ultimi anni diverse tipologie di missili balistici e da crociera capaci di colpire le principali installazioni militare americane nel Pacifico, Guam compresa. L’INF, pertanto, così com’è, non serve più a nessuno: è una camicia di forza per i Russi, ma lo è diventato pure per gli Americani, sempre più preoccupati dei progressi militari cinesi. Allora, o si rinegozia un nuovo INF che inglobi anche la Cina, e magari pure India e Pakistan, senza dimenticare la Corea del Nord, o, scenario più probabile, si tornerà alla stagione del super-riarmo e della ri/convenzionalizzazione piena degli scenari.

anteprima logo RID Evadere e sopravvivere

"Tu special force, tu special force!” Risuona nelle teste dei militari bendati, legati, in ginocchio e incapaci di capire dove e di fronte a chi si trovano.

Urla, dolore ai muscoli e alle ossa, la sete che sale, i crampi allo stomaco per la fame e nonostante tutto una missione da portare a termine: sopravvivere.

Acronimo di Survival Evasion Resistance Escape, il SERE è un corso destinato ai piloti e al personale di bordo dell’Esercito Italiano, prima forza armata italiana ad introdurlo nel programma di addestramento.

anteprima logo RID Bilancio Difesa 2019

Il Bilancio Difesa 2019 è in crescita rispetto al 2018 in senso assoluto, ma presenta segni di un evidente squilibrio sul fronte delle spese per il Personale. 

anteprima logo RID Ecco il POWERSHIELD terrestre

Leonardo sta lavorando alla versione terrestre del KRONOS POWERSHIELD

  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>