LEONARDO
RID Articoli Mese
anteprima logo RID Elettronica si conferma Great Place To Work

Per il secondo anno consecutivo, Elettronica Group ha ottenuto la certificazione Great Place to Work (GPtW), l’importante riconoscimento assegnato a quelle organizzazioni che si dimostrano attente alla qualità della propria cultura organizzativa e del proprio ambiente di lavoro. Le aziende certificate incentivano un modello relazionale basato sulla fiducia reciproca oltre a: - Processi HR di alta qualità - Persone motivate con elevato livello di engagement - Alta attrattività nei confronti del mercato del lavoro e dei migliori talenti - Persone orgogliose dell'azienda e del proprio ambiente di lavoro - Persone produttive, collaborative ed attente all'innovazione Tale riconoscimento si inserisce nel quadro più ampio di un percorso volto all’eccellenza, non solo tecnologica e di produzione, ma anche nelle politiche e pratiche di people management e welfare. La convinzione è che un buon clima interno contribuisca a migliorare il benessere dei dipendenti e sia fondamentale per l’organizzazione del lavoro e per la produttività d’impresa. Elettronica ha attivato, infatti, una serie di iniziative per i dipendenti che vanno in questa direzione, favorendo il work-life balance, accrescendo il potere d’acquisto dei salari con l’introduzione dei “flexible benefits”, promuovendo iniziative di wellness offrendo loro la disponibilità di attività culturali, ricreative e sportive. Si tratta di iniziative che emergono con vigore dalla survey interna condotta da GPtW Italia, in cui il livello di attaccamento all’azienda è elevato e l’80% dei dipendenti lo testimonia dichiarandosi convinti che Elettronica rappresenti un datore di lavoro “Eccellente”. Sempre in materia di benefit, Elettronica svetta nella classifica italiana, distaccandosi di ben 32 punti percentuali dalla media nazionale delle aziende partecipanti e di 8 punti dalle prime classificate nei sondaggi GPtW, grazie all’84% di lavoratori soddisfatti per la completezza di iniziative adottate. Va evidenziato che Elettronica ha adottato con qualche anno di anticipo rispetto alle indicazioni del CCNL Metalmeccanici un piano di “flexible benefit” per i dipendenti, il cui valore nel 2019 sarà complessivamente superiore ai 900 euro. Altro punto di forza sul quale l’Azienda ha molto lavorato attiene alle politiche di “work-life balance” e flessibilità, con percezioni estremamente positive (95% di soddisfazione espressa in survey) sulla possibilità di assentarsi dal luogo di lavoro quando se ne ha bisogno. Altrettanto degni di nota i commenti favorevoli sulla gradevolezza dell’ambiente di lavoro inteso sia come strutture fisiche che in termini di relazioni positive tra i colleghi (con percentuali positive variabili tra l’85% e il 90% a seconda delle tematiche) che hanno contribuito a creare nel tempo tra i dipendenti un forte senso di appartenenza che – tra l’altro – costituisce uno dei valori fondanti dell’Azienda. Ad arricchire ulteriormente l’ “employee value proposition” di Elettronica contribuisce l’introduzione del “maggiordomo aziendale”, figura destinata a dar supporto ai dipendenti per disbrigo pratiche burocratiche o servizi di lavanderia e stireria, la collocazione di un Amazon Locker che la comoda consegna e reso degli acquisti on line, nonchè le molteplici iniziative culturali e di svago promosse da gruppi di dipendenti e sostenute dall’azienda.

a cura di
anteprima logo RID Contratto per 2 super-portaerei FORD

Huntington Ingalls Industries ha ricevuto l’atteso contratto cumulativo per 2 nuove portaerei, le CVN 80, futura USS ENTERPRISE, e l’ancora senza nome CVN-81. Si tratta rispettivamente della terza e quarta unità della classe GERALD FORD (nata come CVN-21, per 21° secolo). Il contratto singolo per 2 unità dovrebbe consentire significative efficienze nella fase di costruzione, dando all’industria la possibilità di pianificare a lungo termine. Ci si attendono risparmi quantificati in oltre 4 miliardi di dollari. L’attuale contratto ha un valore di 14,9 miliardi per le attività di design e costruzione delle 2 unità. Il costo totale salirà a circa 24 miliardi con l’inclusione di tutto il Government Furnished Equipment, che include le armi, i sensori, le catapulte elettromagnetiche EMALS e l’Advanced Arresting Gear (AAG). Le attività connesse all’acquisizione della CVN80 sono cominciate già nel 2016 con gli ordini per i componenti a lungo tempo di produzione. Huntington Ingalls ha per anni chiesto alla Marina e al Pentagono di ordinare le CVN in gruppi per consentire economie di scala, e nel corso del 2018 ha trovato il necessario supporto politico. Bisogna tornare agli anni ’80 per trovare altri casi di portaerei ordinate a coppie, le CVN classe NIMITZ numero 73 e 74 e poi 75 e 76. Quelle navi risultarono meno costose e richiesero il minimo numero di ore-uomo fra tutte quelle della classe. La CVN80 è attesa nel 2028 per rimpiazzare la USS EISENHOWER (CVN 69), mentre la CVN81 deve seguire nel 2032 per sostituire la USS CARL VINSON (CVN 70). Questo rappresenta una riduzione di un anno nell’intervallo che ora intercorre fra la consegna di una nuova portaerei e le successiva. L’ordine include anche 2 modifiche ad altri contratti collegati: 263 milioni di dollari vanno a ricerca e sviluppo che, secondo l’US Navy, finanziano attività legate all’integrazione di F-35 e delle aerocisterne senza pilota MQ-25 STINGRAY, oltre che l’adozione di mitragliere MK-38 da 25 mm per la difesa di punto. La classe FORD non è esente da problemi: solo a dicembre 2018 la Marina ha approvato il primo di 11 nuovi elevatori per armamenti sulla capoclasse, che sono stati fonte di problemi. Gli altri 10 verranno migliorati e certificati nel corso di quest’anno. Le nuove EMALS e il sistema AAG hanno a loro volta alcuni problemi di affidabilità, e hanno subito ciascuno 10 guasti, di varia entità, in un ciclo di 747 lanci e 763 atterraggi dalla consegna dell’unità nel 2017. L’US Navy richiede un’affidabilità molto maggiore per poter generare le 160 sortite giornaliere (e 270 in “surge”), contro le 120 per una NIMITZ, che sono il cuore del concetto CVN-21.

a cura di
anteprima logo RID Germania: niente F-35 dopo i TORNADO

La decisione era nell’aria. Il Ministero della Difesa tedesco ha definitivamente eliminato l’F-35 dai velivoli finalisti nella gara da 15 miliardi di euro che decreterà il successore degli 84 cacciabombardieri TORNADO (56 IDS e 28 ECR) in seno alla Luftwaffe dal 2025, dopo che la stessa sorte era toccata al F-15 ADVANCED EAGLE. I 2 aerei rimasti oggetto della valutazione finale sono l’Eurofighter TYPHOON e la coppia Boeing F/A-18E/F SUPER HORNET/EA-18G GROWLER. La scelta, come detto, non rappresenta affatto un colpo di scena, tenuto conto che Berlino non ha mai nascosto la preferenza per una versione aggiornata dell’Eurofighter TYPHOON - Tr.4 - versione sensibilmente customizzata per i requisiti di attacco al suolo/SEAD/antinave e, soprattutto, strike nucleare previsto dal “Nuclear Sharing Agreement” NATO per il quale il TYPHOON attualmente non ha certificazione, nonché per esercitare i compiti EW degli ECR. Tale preferenza trova la sua spiegazione nella volontà politica tedesca di mantenere la sovranità industriale sulla nuova piattaforma, sia dal punto di vista produttivo (costruzione ed assemblaggio in loco di componenti critiche e degli stessi aerei), che per quanto concerne gli aspetti legati alla gestione delle componenti avioniche e del software, 2 elementi che non avrebbero collimato con la scelta dell’F-35. Secondo Berlino, tale decisione, oltre a favorire le industrie locali e ad accrescere attività occupazionali (R&S, area commerciale, ecc), permetterebbe, inoltre, di coprire adeguatamente il periodo tra il pensionamento dei TORNADO (2025) e l’entrata in servizio del futuro caccia franco-tedesco FCAS (verosimilmente non meno di 15 anni), evitando, al contempo, di indispettire il partner francese con l’acquisizione di un caccia americano (F-18 o F-35 che sia) che, soprattutto nel caso del LIGHTNING II, secondo Parigi rischierebbe di mettere a repentaglio o, quantomeno, rallentare sensibilmente lo sviluppo del programma FCAS. Decisione che appare, tuttavia, invisa alla Luftwaffe che non ha mai nascosto l’apprezzamento tecnico per il LIGHTNING II, rispetto a velivoli – tanto il TYPHOON, quanto il SUPER HORNET – che rappresentano piattaforme di una generazione precedente rispetto al F-35, per quanto gli F-18 rappresenterebbero una soluzione eccellente a soddisfare i requisiti EW ed antinave e siano certificati all’utilizzo degli ordigni nucleari B61-12. Una decisione finale verrà presa entro la fine del 2019 ma sono da ritenersi improbabili soluzioni creative come il mantenimento di una manciata di TORNADO dedicati esclusivamente al trasporto delle B61, o una sorta di compromesso con la suddivisone dell’ordine tra TYPHOON Tr.4 e SUPER HORNET, per motivi finanziari nonché logistici. Oltre al rimpiazzo dei TORNADO, l'Aeronautica Tedesca ha individuato pure l’esigenza di rimpiazzare i 33 Eurofighter TYPHOON attualmente in servizio (si potrebbe, pertanto, pensare all'acquisizione di un mix di EFA Tr.4 e Tr.3A).

a cura di
anteprima logo RID Nasce la Fondazione Leonardo - Civiltà delle Macchine

È stata presentata ufficialmente oggi la Fondazione Leonardo - Civiltà delle Macchine, istituzione che intende favorire il dialogo con la società civile, promuovere nei territori di riferimento la cultura industriale e d’impresa, valorizzare il patrimonio culturale e museale, diffondere conoscenza.

a cura di
anteprima logo Aeronautica Italiana Accademia Aeronautica, ultimo giorno per partecipare al concorso

Grande successo per Accademiaperta 2019, il tradizionale open day organizzato dall'Accademia Aeronautica per dare l'opportunità ai giovani studenti che intendono intraprendere la carriera militare in Aeronautica Militare di conoscere dal vivo uno degli Istituti di Formazione più prestigiosi della Forza Armata.

Più di 800 i visitatori che hanno visitato le infrastrutture ed hanno incontrato i giovani allievi e allieve, avendo anche la possibilità di porgere loro domande sul percorso di studio in Accademia e sulle prospettive future di impiego in Aeronautica Militare.

Oltre a filmati informativi ed un breve stage/lezione di meteorologia aeronautica, gli studenti hanno ammirato i simulatori di volo del velivolo SF 260-EA e dell'aliante Twin Astir, il mock-up del velivolo caccia AMX ed il simulatore ludico del velivolo MB 339 della pattuglia Acrobatica Nazionale, allestito dal personale dello Stato Maggiore Aeronautica.

 

Leggi la news completa sul sito dell'Aeronautica Militare

a cura di
anteprima logo RID Un BLACK HAWK armato per gli EAU

Lo scorso 22 gennaio, presso il centro emiratino AMMROC (Advanced Military Maintenance, Repair and Overhaul Center, di cui Lockheed Martin possiede il 40%) di Abu Dhabi, è stata presentata una variante pesantemente armata dell’elicottero utility UH-60 BLACK HAWK. Nello specifico, la macchina emiratina è caratterizzata da un kit composto da una torretta elettro-ottica montata sul muso, da una coppia di dispenser per contromisure flares montati sulle prese d’aria del motore, da scarichi modificati e, soprattutto, da nuove alelle dotate di 4 piloni subalari complessivi (una coppia per ala), destinati al trasporto di diversi armamenti aria-sup guidati e non (le foto della presentazione mostrano missili AGM-114N HELLFIRE e pod per razzi HYDRA 70), e di 2 mitragliatrici tipo Gatlin 7,62 mm fissate ai lati della fusoliera. Sebbene alcune di tali caratteristiche (torretta sensori, dispenser flares e mitragliatrici) fossero già presenti sui 26 UH-60M BATTLE HAWKS in servizio presso il 18° Gruppo Comando Operazioni Speciali emiratino, i piloni destinati all’armamento rappresentano un’assoluta novità per gli EAU (mentre esiste un’altra versione armata dei BLACK HAWK, la A/UH-60L ARPIA III in servizio in Colombia), nonostante il diffuso utilizzo degli UH-60 nelle operazioni armate contro i ribelli Houthi nello Yemen. In tali casi, tuttavia, gli elicotteri apparivano in una configurazione diversa, caratterizzata dalla presenza di soli pod lanciarazzi montati su un pilone agganciato alla parte inferiore della sezione anteriore della fusoliera. Tornando ai nuovi elicotteri emiratini, in seguito alla conclusione dei vari test di fuoco effettuati durante il 2018, l’Aeronautica ha in previsione l’immissione in servizio di 6 macchine entro la prima metà del 2019. La Lockheed Martin non ha confermato se tale soluzione sia stata sviluppata autonomamente dall’AMMROC, o si tratti di una versione costruita su licenza del concept S-70I/UH-60M BATTLE HAWK (o ABH – ARMED BLACK HAWK), in sviluppo dal 2012 dalla Sikorsky (oggi inglobata dalla LM).

a cura di
anteprima logo RID Navi logistiche italiane per la Francia

Il Raggruppamento Temporaneo d’Imprese (RTI) formato da Naval Group e Chantier de l’Atlantique ha sottoscritto un contratto, del valore di 1,7 miliardi di euro, con OCCAR (Organisation Conjointe de Coopération en matière d'Armement /Organizzazione Congiunta di Cooperazione in materia d’amrmaneto) e per conto della Direction Générale de l’Armement” (DGA) francese per la fornitura alla Marine Nationale di 4 unità logistiche e da rifornimento di squadra.

 


a cura di
anteprima logo RID Confermato: USA fuori dal Trattato INF

Gli Stati Uniti hanno confermato per bocca del Segretario di Stato Mike Pompeo l’uscita dal Trattato INF dopo che da mesi ne avevano annunciato la violazione da parte della Russia. Ricordiamo che l’INF prevede lo smantellamento di tutti i missili balistici e da crociera basati a terra, convenzionali e nucleari, con portata compresa tra i 500 e i 5.500 km e i relativi lanciatori. Alla data prevista per il completamento dell’impegno, e cioè il maggio 1991, Stati Uniti e URSS avevano rispettivamente ritirato e distrutto un totale di 846 e 1.846 sistemi: tutti gli SS-20 russi e tutti i PERSHING II e i GRYPHON americani basati in Belgio, Gran Bretagna, Italia e Olanda. La decisione americana è una conseguenza dello sviluppo e del dispiegamento del missile russo da crociera lanciabile da terra 9M729/SSC-8, accreditato di una portata di oltre 1.500 km e derivato dal 3M14 KALIBR per impiego navale. Il Cremlino non ha mai ufficialmente confermato il dispiegamento di questa arma, mantenendo sulla questione una certa ambiguità (secondo il principio che l’incertezza crea deterrenza...) e stigmatizzando invece come destabilizzante il dispiegamento da parte americana di un segmento della difesa antimissile (BMD, Ballistic Missile Defense) in Romania e Polonia. E’ possibile, pertanto, che la Russia abbia sviluppato questo sistema d’arma proprio per controbilanciare in qualche modo la presenza in Polonia e Romania degli intercettori americani SM-3, che nella loro versione Block IIA sembra abbiano capacità d’ingaggio anche di missili balistici intercontinentali. A questo punto, pure gli Americani potranno sviluppare nuovi missili balistici o da crociera con gittata supereroe ai 500 km, ma gli studi e gli sviluppi in tal senso sono in corso da tempo, e saranno liberi dai vincoli dell’INF. Vincoli che, ricordiamolo, non riguardano la Cina tanto che Pechino ha potuto realizzare negli ultimi anni diverse tipologie di missili balistici e da crociera capaci di colpire le principali installazioni militare americane nel Pacifico, Guam compresa. L’INF, pertanto, così com’è, non serve più a nessuno: è una camicia di forza per i Russi, ma lo è diventato pure per gli Americani, sempre più preoccupati dei progressi militari cinesi. Allora, o si rinegozia un nuovo INF che inglobi anche la Cina, e magari pure India e Pakistan, senza dimenticare la Corea del Nord, o, scenario più probabile, si tornerà alla stagione del super-riarmo e della ri/convenzionalizzazione piena degli scenari.

a cura di
anteprima logo RID Una nuova torre per il CHALLENGER 2

Nelle prossime settimane il Ministero della Difesa britannico potrebbe selezionare il team vincente nella gara per il CHALLENGER 2 Life Extension Project (LEP), che ha l’obiettivo di rimpiazzare le obsolete ottiche e il sistema di condotta del tiro, così da posticipare l’uscita dal servizio del carro al 2035 o 2040. A contendersi il programma, con un valore potenziale di 700 milioni di sterline per un numero di carri fra i 150 e i 227, sono il team BAE – General Dynamics Land Systems, supportate da Safran, Leonardo e Moog; e Rheinmetall, supportata da BMT, Pearson Engineering, Supacat e Thales UK. Mentre BAE aveva presentato il suo dimostratore BLACK NIGHT già al Defence Vehicle Dynamics 2018 (vedi RID 11/2018), Rheinmetall ha atteso l’International Armoured Vehicles 2019 a Londra per rivelare la sua proposta, molto più radicale. Di fatto Rheinmetall, investendo anche soldi propri, ha deciso di offrire al British Army la soluzione che desidera ma che non ha osato chiedere. Ha infatti sviluppato una torre completamente nuova, digitalizzata ed equipaggiata con il cannone ad anima liscia L55A1 in sostituzione dell’attuale L30A1 rigato e con munizioni in 2 pezzi. Così facendo si elimina la principale debolezza del CHALLENGER 2: l’impossibilità di adottare il moderno munizionamento sviluppato in ambito NATO, come gli esplosivi programmabili e i dardi APFSDS lunghi (il tedesco DM63 in tungsteno o l’americano M829A4 all’uranio impoverito). L’ottica del cannoniere viene spostata dall’attuale posizione sopra il cannone e il visore indipendente del capocarro è ora l’ORION di Thales, realizzato originariamente per l’AJAX, così da offrire al British Army anche comunanza logistica. Nel dicembre scorso Rheinmetall ha già condotto prove di tiro con la nuova torre, per ora senza equipaggio a bordo, dimostrando l’elevata maturità della sua soluzione.

a cura di
anteprima logo RID Il primo A330 MRTT in Corea del Sud

Il primo di 4 A330 Multi Role Transport Tanker prodotti da Airbus per la Republic of Korea Air Force è arrivato a Busan. La Corea è il secondo acquirente asiatico dell'aerocisterna europea. Per la ROKAF, un moltiplicatore di forze senza precedenti nella sua storia. 

a cura di
anteprima logo RID Leonardo chiude l' operazione Vitrociset

Con l'arrivo delle autorizzazioni Golden Power e Antitrust, Leonardo completa l'acquisizione di Vitrociset, specialista dei sistemi elettronici ed informatici, civili e militari.

a cura di
anteprima logo Aeronautica Italiana Eurispes: aumenta la fiducia dei cittadini verso le Forze Armate e l'Aeronautica Militare
I numeri parlano chiaro: cresce la fiducia dei cittadini nelle Forze Armate. E' quanto emerge dal Rapporto Italia 2019 dell’Eurispes, presentato ufficialmente ieri, giovedì 31 gennaio, presso l’aula magna della Sapienza Università di Roma.
 
Nella sezione relativa alla fiducia nelle istituzioni, l'Aeronautica Militare si conferma la Forza Armata più in alto nei consensi, con un significativo incremento rispetto allo scorso anno di circa due punti percentuali, passando dal 72,9% al 74,8%. Trend in crescita anche per le altre Forze Armate per le quali si conferma l’apprezzamento di oltre sette italiani su dieci.
 
Numeri che confermano l’aumento del sentimento generale di fiducia degli italiani verso le Forze Armate e ne sottolineano l’impegno continuo al servizio del Paese. In particolare, sono numerosi gli ambiti di pubblica utilità in cui gli uomini e le donne dell’Aeronautica Militare sono impegnati quotidianamente a sostegno della collettività, tra cui la difesa dello spazio aereo nazionale e dell’Alleanza Atlantica, i trasporti sanitari di urgenza e la ricerca e soccorso, la meteorologia  ed i servizi di assistenza al traffico aereo, le molteplici attività di supporto alla sperimentazione in ambito aero-spaziale.
 
a cura di
  1 2 3 4 5 6 7 8 Next >>